Cos’è una pianta di guado – come coltivare una pianta di guado in giardino

Il blu indaco era un colore piuttosto caldo 5,000 anni fa. La produzione e il commercio di questo colorante furono fortemente contestati quando i mercanti dell'India orientale iniziarono a introdurre l'indaco in Europa, dove il guado era il colorante preferito. Confuso, ancora? Cos'è una pianta di guado e quali altre informazioni interessanti sulla pianta di guado possiamo scavare? C'è una differenza tra i coloranti vegetali indaco e woad? Continuate a leggere per scoprirlo.

Cos'è una pianta di guado?

Woad (Isatis tinctoria) è una biennale eretta che cresce tra 1-3 piedi, a volte fino a 4 piedi di altezza. Le sue foglie sono di colore verde bluastro ricoperte da una peluria bianca polverosa. Le foglie sono strette e da leggermente seghettate a ondulate. La pianta sboccia con piccoli fiori gialli nella primavera del suo secondo anno di crescita e si sviluppa in frutti blu / neri. La pianta è stata coltivata per secoli come medicinale e fonte di colorante blu.

In alcune aree del mondo, la pianta di guado, un tempo preziosa, è considerata un'erbaccia e, infatti, cresce come tale.

Informazioni sulla pianta del guado

Woad era originario dell'Europa sud-orientale e si diffuse rapidamente durante la preistoria. Nella maggior parte dell'Europa, i coloranti vegetali del guado sono diventati il ​​colorante blu predominante e, infatti, a volte viene indicato come "guado dei tintori". La tintura blu delle piante di guado era usata dagli antichi popoli delle isole britanniche per dipingere i loro corpi nella speranza di spaventare i loro nemici.

D'altra parte, l'indaco (Indigofera tinctoria), originario dell'Asia meridionale, era la scelta popolare per la tintura blu lì. La produzione e il commercio erano controllati dall'India. L'importazione di coloranti indaco iniziò ad aumentare tra i produttori di guado. Si sono uniti per combattere l'importazione di indaco e salvare i loro mezzi di sussistenza. Lentamente ma inesorabilmente, nonostante la legislazione, l'indaco prese il sopravvento e divenne la tintura preferita nell'Europa occidentale.

Naturalmente, alla fine del 1800, l'introduzione dell'indigotina sintetica (colorante indaco sintetico) rese la disputa tra i fornitori di guado e indaco un punto controverso. Tuttavia, mentre la tintura blu delle piante di guado sanguina e sbiadisce con l'età, è proprio questo sbiadimento che lo rende un mezzo di morte unico e degno. Se sei interessato a usare il woad come colorante, la cosa migliore da fare è coltivare il tuo. Continua a leggere per scoprire come coltivare piante di guado.

Come coltivare la pianta di guado

Woad è molto competitivo e può soppiantare colture preziose, vegetazione autoctona e pascoli. Ha anche una radice del fittone estremamente lunga (3-5 piedi di lunghezza) che lo rende quasi indistruttibile. Quindi, molti luoghi considerano il guado troppo invasivo e lo etichettano come un'erbaccia nociva.

Detto questo, i semi di guado possono essere ottenuti online o, se ti capita di trovarne uno, puoi raccogliere i tuoi semi. Semina i semi in uno spazio sottile a marzo in seminiere. Copri leggermente con terriccio e mantieni umido.

Quando le piantine sono abbastanza grandi da poter essere maneggiate, trapiantale all'esterno, lasciando un piede di spazio tra ciascuna. A Woad piace un terreno alcalino, quindi un'applicazione di calce, una settimana prima della semina, darà loro il giusto pH del terreno. Mantieni umide le piantine di guado.

Non ripiantare il woad nella stessa area di altre Brassicae. Come altri membri della famiglia dei cavoli, il guado è suscettibile al clubroot, che può essere trasmesso da un membro all'altro, quindi pratica la rotazione delle colture.

Cura delle piante di guado

Una volta stabilito, oltre all'acqua e un po 'di fertilizzante, c'è poca cura aggiuntiva delle piante di guado fino al raccolto. Woad ha bisogno di molto azoto, quindi fertilizzare con un alimento ad alto contenuto di azoto di farina di sangue essiccato o farina di zoccoli e corna.

Woad sarà pronto per la raccolta a luglio per tutto settembre. In alcune zone, il guado può essere raccolto fino a novembre, ma l'inizio delle gelate autunnali probabilmente ridurrà il colore.

Per raccogliere le tue piante, usa cesoie affilate o forbici da giardino per tagliare le foglie più nuove. Evita le foglie vecchie che sono facilmente riconoscibili dalla loro tonalità blu. Le vecchie foglie non contengono più la sostanza chimica che diventerà colorante. Taglia anche la parte vecchia, ma non usarli nel processo di tintura. È meglio tagliare tutte le foglie di una pianta in una volta e poi lasciarla ricrescere.

Ora sei pronto per utilizzare le foglie per l'estrazione del colorante. Mettete le foglie fresche in un barattolo e coprite con acqua quasi bollente. Chiudi il barattolo. Presto l'acqua si colorerà e inizierà a bollire un po '. A questo punto, si aggiunge alcali all'acqua colorata, si agita e la soluzione diventa verde.

Il tessuto viene quindi tinto utilizzando la tintura colorata verde / giallo. Dov'è il blu? Una volta che il tessuto è esposto all'aria, l'ossidazione prende il sopravvento e voilà! Hai un bel blu. Il processo si conclude mettendo il colorante in acido e poi viene lavato e risciacquato.

Le istruzioni complete possono essere trovate online, ma sembra che potrebbero essere necessari alcuni tentativi ed errori. Apparentemente, la tintura è difficile da lavorare.

Controllo delle erbacce delle piante di guado

Per quelli di voi che non penserebbero di coltivare il guado e vogliono solo sbarazzarsi di quelle dannate cose, ci sono controlli sia chimici che non chimici.

I metodi non chimici di eradicazione includono la trazione manuale, che poiché la radice del fittone è così profonda, è piuttosto difficile. Inoltre, rivisita il sito del guado ogni due settimane, poiché la pianta semina prontamente e può farlo per molti anni. Puoi falciarlo per un controllo molto temporaneo o provare alcune capre su di esso.

Un fungo ruggine nativo è in fase di studio come controllo biologico ma non è ancora disponibile.

L'altra opzione è il controllo chimico. Consulta il tuo ufficio di estensione locale per consigli sugli erbicidi da utilizzare nella tua zona.

Immagine di MiaZeus

Lascia un commento