Piante allelopatiche: cos’è l’allelopatia

L'allelopatia vegetale è ovunque intorno a noi; tuttavia, molte persone non hanno mai nemmeno sentito parlare di questo interessante fenomeno. L'allelopatia può avere un effetto negativo nel giardino, con conseguente riduzione della germinazione dei semi e della crescita delle piante. D'altra parte, le piante allelopatiche possono anche essere considerate il diserbante di Madre Natura.

Cos'è l'allelopatia?

L'allelopatia è un fenomeno biologico in cui una pianta inibisce la crescita di un'altra. Come? Attraverso il rilascio di allelochimici, alcune piante possono influenzare notevolmente la crescita di altre piante in modo buono o cattivo mediante lisciviazione, decomposizione, ecc. In sostanza, l'allelopatia vegetale viene utilizzata come mezzo di sopravvivenza in natura, riducendo la concorrenza delle piante vicine .

Allelopatia vegetale

Varie parti delle piante possono avere queste proprietà allelopatiche, dal fogliame e dai fiori alle radici, alla corteccia, al terreno e al pacciame. La maggior parte delle piante allelopatiche immagazzinano i loro prodotti chimici protettivi all'interno delle foglie, specialmente durante l'autunno. Quando le foglie cadono a terra e si decompongono, queste tossine possono colpire le piante vicine. Alcune piante rilasciano anche tossine attraverso le loro radici, che vengono poi assorbite da altre piante e alberi.

Si possono vedere piante comuni con proprietà allelopatiche e includono:

  • Alloro inglese (Prunus laurocerasus)
  • Uva ursina (Arctostaphylos uva-ursi)
  • Sumac (Rhus)
  • Rhododendron
  • Sambuco (Sambucus)
  • Forsythia
  • Verga d'oro (Solidago)
  • Alcuni tipi di felce
  • Segale perenne
  • Festuca alta
  • Kentucky bluegrass
  • Erbaccia Di Senape All'aglio

Alberi allelopatici

Gli alberi sono ottimi esempi di allelopatia nelle piante. Ad esempio, molti alberi usano l'allelopatia per proteggere il loro spazio usando le loro radici per estrarre più acqua dal suolo in modo che altre piante non possano prosperare. Alcuni usano i loro allelochimici per inibire la germinazione o impedire lo sviluppo della vita vegetale vicina. La maggior parte degli alberi allelopatici rilascia queste sostanze chimiche attraverso le foglie, che sono tossiche una volta assorbite da altre piante.

Il noce nero è un ottimo esempio di questo. Oltre alle sue foglie, gli alberi di noce nera immagazzinano proprietà allelopatiche all'interno dei loro boccioli, gusci di noci e radici. La sostanza chimica responsabile della sua tossicità, chiamata Juglone, rimane nel terreno attorno all'albero ed è più potente sulla linea di gocciolamento, sebbene le radici possano espandersi ben oltre. Le piante più sensibili alla tossicità della noce nera includono piante di belladonna (pomodori, peperoni, melanzane, patate), azalee, pini e betulle.

Altri alberi che sono noti per mostrare tendenze allelopatiche includono acero, pino ed eucalipto.

Immagine di nickkurzenko

Lascia un commento