Titi estivi e titi primaverili: come distinguere i titi primaverili da quelli estivi

Con nomi come titi primaverili ed estivi, potresti pensare che queste due piante siano uguali. È vero che condividono molte somiglianze, ma anche le loro differenze sono notevoli e, in alcuni casi, è importante tenerne conto.

Primavera vs estate Titi

Come distinguere la primavera dall'estate? Quali sono le differenze tra i titi primaverili e quelli estivi? Cominciamo con le somiglianze:

  • I titi estivi e i titi primaverili sono entrambe piante arbustive che amano l'umidità che crescono meglio nelle aree ripariali, come le paludi o lungo le rive dei torrenti.
  • Entrambi sono originari dei climi caldi e tropicali degli Stati Uniti sudorientali, nonché di parti del Messico e del Sud America.
  • Sono principalmente sempreverdi, ma alcune foglie possono cambiare colore in autunno. Tuttavia, entrambi tendono ad essere decidui nella regione settentrionale più fredda del suo areale in crescita. Entrambi sono adatti per la coltivazione nelle zone di rusticità USDA da 7b a 8b.
  • Gli arbusti producono fiori adorabili che sono attraenti per gli impollinatori.

Ora che abbiamo toccato le somiglianze, esploriamo le differenze tra i titi primaverili ed estivi:

  • La prima grande differenza è che queste due piante, pur condividendo "titi" nei loro nomi, non sono correlate. Ciascuno di essi appartiene a diversi gruppi di genere.
  • Nessuno di questi arbusti fiorisce allo stesso tempo. In effetti, è qui che entrano in gioco i loro nomi stagionali, con titi primaverili che sbocciano in primavera e titi estivi che seguono l'esempio con blloms che appaiono in estate.
  • Le piante di titi primaverili sono sicure per l'impollinazione delle api, mentre il nettare di titi estivo può essere tossico.

Ci sono altre differenze che possono aiutarti a capire come distinguere anche la primavera e l'estate.

  • Titi primaverili (Cliftonia monophyla) - Conosciuto anche come titi nero, albero di grano saraceno, ironwood o cliftonia, produce grappoli di fiori bianchi o rosati all'inizio della primavera. Il frutto carnoso e alato ricorda il grano saraceno. A seconda delle temperature, il fogliame diventa scarlatto in inverno. Il titi nero è il più piccolo dei due, raggiungendo altezze mature da 15 a 20 piedi (5-7 m.), Con una diffusione da 8 a 12 piedi (2-4 m.).
  • Titi estivi (Cyrilla racemiflora) - Conosciuto anche come titi rosso, cyrilla di palude o legno di cuoio, i titi estivi producono sottili punte di fiori bianchi profumati in estate. La frutta è composta da capsule giallo-marroni che durano nei mesi invernali. A seconda delle temperature, il fogliame può diventare arancione in marrone rossiccio in autunno. La titi rossa è una pianta più grande, che raggiunge un'altezza da 10 a 25 piedi (3-8 m.), Con una diffusione da 10 a 20 piedi (3-6 m.).
Immagine di cturtletrax

Lascia un commento