Difese vegetali interessanti: come si difende una pianta dai predatori

I meccanismi di difesa sono la risposta automatica di un organismo in relazione a una minaccia percepita. Esempi di meccanismi di difesa, come "lotta o fuga", sono molto comuni quando si parla di mammiferi e altri animali selvatici. Tuttavia, anche i meccanismi di difesa delle piante possono essere piuttosto interessanti.

A causa della loro natura radicata, potrebbe essere difficile immaginare quali misure sono in grado di prendere le piante per prevenire gli attacchi esterni. Ci si potrebbe subito chiedere: "Come fa una pianta a difendersi?" Continua a leggere per conoscere i modi in cui le piante si proteggono dalle minacce.

In che modo le piante combattono i predatori?

I modi in cui le piante si proteggono variano ampiamente a seconda della posizione, delle condizioni di crescita e dei predatori con cui la pianta può essere attaccata. Nella maggior parte dei casi, le difese delle piante sono necessarie per evitare danni, nonché per garantire che la pianta sia in grado di riprodursi.

Quando si tratta di meccanismi di difesa delle piante, alcune piante si sono sviluppate e adattate per adattarsi alla pressione degli animali più grandi come i cervi. Le piante che vengono comunemente mangiate dagli animali selvatici spesso sviluppano strutture fisiche che rendono difficile per l'animale consumare la pianta, come spine o spine.

Mentre gli animali più grandi possono essere scoraggiati dalla presenza di spine o grandi punte lungo la lunghezza degli steli e delle foglie delle piante, altre piante potrebbero aver bisogno di strutture più specializzate. Le piante che vengono consumate da parassiti o insetti fastidiosi possono richiedere la modifica delle strutture di crescita delle foglie. Alcuni esempi di questo includono foglie con la crescita di minuscole strutture simili a capelli o superfici dure e cerose. Queste strutture rendono più difficile per gli insetti raggiungere e nutrirsi delle foglie della pianta.

Anche i meccanismi di difesa delle piante chimiche sono molto comuni. La produzione di tossine all'interno delle piante è molto comune per evitare che vengano consumate dai predatori. Altre piante possono produrre sostanze chimiche solo quando esiste una possibilità diretta di attacco. Queste sostanze chimiche sono in grado di servire a vari scopi, tra cui segnalare il pericolo ad altre piante, oltre ad attirare insetti utili che sono in grado di aiutare la sopravvivenza della pianta.

Indipendentemente dal metodo, le piante si sono adattate alle pressioni della crescita nelle loro regioni native. Scegliendo piante native delle nostre zone di giardinaggio, possiamo aiutare a ridurre la possibilità di danni causati dagli insetti nel paesaggio domestico.

Immagine di Okan Celik

Lascia un commento