Informazioni sull’incenso e sulla mirra: informazioni sugli alberi di incenso e mirra

Per quelle persone che celebrano le vacanze di Natale, i simboli legati all'albero abbondano: dal tradizionale albero di Natale e vischio all'incenso e alla mirra. Nella Bibbia, questi aromatici erano doni dati a Maria e al suo nuovo figlio, Gesù, dai Magi. Ma cos'è l'incenso e cos'è la mirra?

Cosa sono l'incenso e la mirra?

L'incenso e la mirra sono le resine aromatiche, o linfa essiccata, derivate dagli alberi. Gli alberi di incenso sono del genere Boswellia e gli alberi di mirra del genere Commiphora, entrambi comuni in Somalia ed Etiopia. Sia oggi che in passato, l'incenso e la mirra sono usati come incenso.

Gli alberi di incenso sono esemplari frondosi che crescono senza suolo lungo le coste rocciose dell'oceano della Somalia. La linfa che scorre da questi alberi appare come una melma lattiginosa e opaca che si indurisce in una "gomma" traslucida e dorata ed è di grande valore.

Gli alberi di mirra sono più piccoli, alti da 5 a 15 piedi (da 1.5 a 4.5 m.) E larghi circa un piede (30 cm), e indicati come l'albero di dindin. Gli alberi di mirra hanno un aspetto simile a un albero di biancospino corto e piatto con rami nodosi. Questi alberi cespugliosi e solitari crescono tra le rocce e le sabbie del deserto. L'unica volta che iniziano a raggiungere qualsiasi tipo di rigogliosità è in primavera, quando i loro fiori verdi compaiono appena prima che le foglie germogliano.

Informazioni sull'incenso e sulla mirra

Molto tempo fa, l'incenso e la mirra erano doni esotici e inestimabili dati ai re di Palestina, Egitto, Grecia, Creta, Fenicia, Roma, Babilonia e Siria per rendere omaggio a loro e ai loro regni. A quel tempo, c'era una grande segretezza che circondava l'acquisizione di incenso e mirra, mantenuta intenzionalmente un mistero per aumentare ulteriormente il prezzo di queste preziose sostanze.

Gli aromatici erano ulteriormente ambiti a causa della loro limitata area di produzione. Solo i minuscoli regni dell'Arabia meridionale producevano incenso e mirra e, quindi, detenevano il monopolio della sua produzione e distribuzione. La regina di Saba era uno dei sovrani più famosi che controllavano il commercio di questi aromatici con il risultato che le pene di morte venivano assegnate ai contrabbandieri o alle carovane che si allontanavano dalle rotte commerciali imposte dalle tariffe.

Il modo ad alta intensità di lavoro richiesto per raccogliere queste sostanze è dove risiede il vero costo. La corteccia viene tagliata, facendo defluire la linfa nel taglio. Lì viene lasciato indurire sull'albero per diversi mesi e poi raccolto. La mirra risultante è rosso scuro e friabile all'interno e bianca e polverosa all'esterno. A causa della sua consistenza, la mirra non è stata spedita bene, aumentando ulteriormente il suo prezzo e la sua desiderabilità.

Entrambi gli aromatici sono usati come incenso e in passato avevano anche applicazioni medicinali, imbalsamanti e cosmetiche. Sia l'incenso che la mirra possono essere trovati in vendita su Internet o in negozi selezionati, ma gli acquirenti fanno attenzione. A volte, la resina in vendita potrebbe non essere il vero affare, ma piuttosto quella di un'altra varietà di albero del Medio Oriente.

Immagine di vanillaychile

Lascia un commento