Macchia batterica foglia di pesca – suggerimenti per controllare la macchia fogliare sulle pesche

La macchia batterica delle foglie di pesca, nota anche come buca batterica, è una malattia comune sui peschi e sulle nettarine più vecchi. Questa malattia delle macchie fogliari del pesco è causata dal batterio Xanthomonas campestris pv. pruni. La macchia batterica sugli alberi di pesco provoca la perdita di frutti e il malessere generale degli alberi causato da defogliazioni ricorrenti. Inoltre, questi alberi indeboliti sono più suscettibili alle lesioni invernali.

Sintomi della macchia batterica foglia di pesco

Il segno più caratteristico della macchia fogliare di pesco sono macchie angolari da viola a bruno-porpora sul fogliame, seguite dalla caduta del centro della lesione, che conferiscono alle foglie un aspetto "bucato". Le foglie diventano presto gialle e cadono.

Il frutto ha piccoli segni impregnati d'acqua che si allargano e si fondono per coprire infine grandi aree. Cracking o vaiolatura si verificano lungo le lesioni mentre il frutto cresce, consentendo al fungo del marciume bruno di infiltrarsi nel frutto.

La macchia batterica delle foglie influisce anche sulla crescita della stagione in corso. Due tipi di cancro possono essere individuati sui ramoscelli.

  • I "cancri estivi" appaiono sui ramoscelli verdi dopo che le macchie delle foglie possono essere viste. Gli incendiari causati dal fungo della ticchiolatura del pesco sembrano simili ma sono leggermente rialzati mentre quelli causati dalla macchia batterica delle foglie sono infossati e da circolari a ellittici.
  • I "cancri primaverili" si verificano verso la fine dell'anno sui ramoscelli giovani e teneri, ma compaiono solo la primavera successiva alle gemme o ai nodi proprio nel momento in cui emergono le prime foglie.

Ciclo di vita delle macchie batteriche

L'agente patogeno per la macchia batterica sverna nelle aree protette come crepe nella corteccia e nelle cicatrici fogliari che sono state infettate la stagione precedente. Quando le temperature salgono oltre i 65 gradi F. (18 C.) e inizia il germogliamento, i batteri iniziano a moltiplicarsi. Si diffondono dai cancri tramite gocciolamento di rugiada, schizzi di pioggia o vento.

Le infezioni gravi da frutto si verificano più frequentemente quando vi sono abbondanti piogge combinate con un'elevata umidità. L'infezione è anche più grave quando gli alberi sono piantati in un terreno leggero e sabbioso e / o se gli alberi sono stressati.

Controllo della macchia fogliare sulle pesche

Quali metodi per controllare la macchia fogliare sulle pesche sono disponibili per combattere questa malattia? Alcune varietà di pesca sono più suscettibili alla macchia fogliare, ma tutte possono essere infettate. Il più vulnerabili le cultivar sono:

  • 'Autumnglo'
  • 'Autumn Lady'
  • "Blake"
  • "Elberta"
  • "Halehaven"
  • 'Luglio Elberta'

Esistono, tuttavia, varietà di pesche più resistenti. Macchia batterica pesche resistenti includere:

  • "Belle della Georgia"
  • "Biscoe"
  • 'Candore'
  • 'Comanche'
  • "Dixired"
  • "Earliglo"
  • "Early-Free Red"
  • 'Smeriglio'
  • 'Ancora'
  • 'Granato bellezza'
  • "Harbelle"
  • "Harbinger"
  • "Harbrite"
  • "Harken"
  • 'Late Sunhave'
  • 'Loring'
  • "Madison"
  • "Norman"
  • "Ranger"
  • "Redhacen"
  • "Redkist"
  • 'Pellerossa'
  • 'Sentinella'
  • "Sunhaven"

Sono in fase di sviluppo più cultivar, quindi controlla con il tuo ufficio di estensione locale o il vivaio per nuove varietà resistenti.

Mantieni sani i tuoi alberi di pesco potando adeguatamente gli arti malati o morti e concimali e innaffia se necessario. Troppo azoto può aggravare la malattia.

Sebbene non ci siano spray completamente efficaci per il controllo di questa malattia, gli spray chimici con battericida a base di rame e l'antibiotico ossitetraciclina hanno qualche effetto usato preventivamente. Parla con il tuo ufficio di estensione locale o asilo nido per informazioni. Il controllo chimico è dubbio, tuttavia, quindi il miglior controllo a lungo termine è quello di piantare cultivar resistenti.

Lascia un commento