Prenditi cura delle tue prime piante bonsai

Non è raro che i primi passi nel bonsai incontrino risultati tutt'altro che ideali. Il solito scenario è il seguente:

Ricevi un bonsai come regalo per Natale o per il tuo compleanno. Lo ami e vuoi che si prenda cura di esso e che continui a crescere fortemente. Tuttavia, nonostante i tuoi migliori sforzi, inizia a ingiallire e / o le foglie iniziano a cadere e molto presto tutto ciò che hai è una pianta morta in un vaso.

Ecco alcune informazioni che possono aiutarti a evitare questo scenario, o per lo meno, aiutarti a fare un secondo tentativo più riuscito.

Quale specie è il tuo albero?

La prima cosa che devi sapere per scoprire le sue esigenze di cura è scoprire quali specie di albero o arbusto hai in quel vaso. Ci sono alcune specie che vengono comunemente vendute come regali per i principianti. Loro includono:

Ginepro Green Mound - Ginepro Green Mound (Juniperus procumbens 'Nana'), noto anche come ginepro Procumbens e ginepro giapponese. Una scelta giusta per i principianti. Coltiva solo all'aperto.

olmo cinese - Olmo cinese (Ulmus parvifolia), noto anche come Zelkova cinese o Zelkova. Un'ottima scelta per i principianti. Il nome "Zelkova" è improprio, poiché "Zelkova serrata" è una specie diversa con esigenze di cura diverse. Coltiva all'aperto.

Acero giapponese - L'acero giapponese (Acer palmatum) è una buona scelta per i principianti. Coltiva solo all'aperto.

Serissa - Serissa (Serissa foetida) conosciuta anche come Albero delle Mille Stelle e Rosa delle Nevi. Una scelta scadente per i principianti, ma comunemente venduta come albero per principianti. Coltiva all'aperto in estate e protegge dal freddo in inverno.

Ficus - Alberi di Ficus (Ficus benjamina, Ficus nerifolia, Ficus retusa, ecc…), noti anche come Banyan e Willow Leaf fig. Una buona scelta per i principianti. Crescere all'aperto nei mesi caldi e tenere lontano dal freddo in inverno.

Avvertenze di base

Ci sono alcune cose da fare e da non fare di base per i bonsai che possono fare molto per aiutarti a mantenere in vita il tuo nuovo tesoro:

Non iniziare coltivando bonsai in casa

Sì, il tuo nuovo bonsai starà molto bene lì sul davanzale della finestra della cucina o sul tavolino da caffè (una brutta posizione), ma i bonsai sono alberi e gli alberi sono piante da esterno. A meno che il tuo bonsai non sia una Serissa (una scelta sbagliata) o un Ficus, tienili fuori il più possibile.

Ci sono poche altre specie per bonsai che tollerano la coltivazione indoor, ma nessuna di loro prospera davvero al chiuso e tutte avranno più problemi di parassiti lì. La maggior parte morirà semplicemente. Lascia da sola la coltivazione dei bonsai da interno fino a quando non avrai impiegato alcuni anni di studio e coltivato con successo all'aperto.

Non innaffiare eccessivamente il tuo bonsai

L'irrigazione eccessiva è responsabile di più morti di bonsai rispetto a qualsiasi altro fattore. Il terreno dovrebbe essere lasciato asciugare un po 'tra un'annaffiatura e l'altra. Una regola di base è lasciare che il terreno si asciughi un po 'a metà della profondità della pentola prima di annaffiare di nuovo. Quando si innaffia, innaffia accuratamente, due o tre volte per bagnare completamente il terreno.

Non lasciare le rocce incollate sulla superficie del terreno

Molte delle piante bonsai che si trovano in luoghi diversi dai veri vivai bonsai vengono vendute con il terreno coperto da uno strato duro di ciottoli incollati. Rimuovilo appena puoi! Questo strato impedirà all'acqua di raggiungere il tuo suolo e ucciderà il tuo albero. Puoi rimuoverlo immergendo la pentola in acqua per circa 30 minuti e poi usando le dita o le pinze per rimuovere lo strato ora morbido di ciottoli.

I bonsai venduti con questi ciottoli incollati sono spesso di qualità e salute molto bassa e possono morire comunque a causa del fatto che la maggior parte ha poche o nessuna radice.

Lascia il tuo bonsai fuori nel freddo dell'inverno *

A meno che il tuo albero non sia tropicale, ha bisogno di un sonno invernale al freddo. Gli alberi decidui, come gli aceri e gli olmi, lasceranno cadere le foglie e potrebbero sembrare morti, ma se tenuti adeguatamente, germoglieranno con un bellissimo nuovo filo di foglie in primavera. Anche le conifere, come il ginepro e il pino, hanno bisogno di questo freddo riposo.

Non pensare di doverli portare dentro per l'inverno o probabilmente li perderai. La maggior parte richiede semplicemente di proteggerli da temperature inferiori a 20 F. (-6 C.) e venti secchi. Leggi i requisiti di cura per le specie del tuo albero in modo da sapere come gestire l'inverno con il tuo bonsai.

* Tropicali DO devono essere protetti da temperature inferiori a 55-60 F. (10-15 C.) e potrebbe essere necessario creare alloggi speciali per mantenerli alla giusta temperatura e livello di umidità all'interno durante i mesi freddi.

Nutri solo nella stagione di crescita

Come tutte le piante, i bonsai hanno bisogno di fertilizzanti per rimanere in salute. Tuttavia, dovresti concimare i bonsai solo durante la stagione di crescita e non durante l'inverno o il tardo autunno. Il momento di base per l'alimentazione va dalla tarda primavera all'inizio dell'autunno. Esistono molti tipi di fertilizzanti e molti programmi diversi da seguire, ma un regime di base può essere quello di utilizzare un alimento vegetale bilanciato (10-10-10 o qualcosa di simile) (seguire le indicazioni di dosaggio sulla confezione) una volta al mese durante il caldo le stagioni. Sappi che un'alimentazione eccessiva si tradurrà in un bonsai morto.

Acquista il tuo prossimo bonsai da un vivaio di bonsai

... e non da un chiosco di un centro commerciale o da un venditore ambulante. Cerca di acquistare bonsai solo da qualcuno che sarà presente il mese prossimo e l'anno prossimo e che può offrirti consigli per la cura e da cui puoi acquistare altre forniture. La qualità e la salute degli alberi di questi luoghi saranno solitamente di gran lunga migliori di quelli dei "banchi di bonsai" o dei venditori ambulanti.

Lascia un commento