Che cos’è una pianta trigger: scopri i metodi di impollinazione delle piante trigger

La maggior parte delle piante richiede che l'impollinatore svolga il lavoro di raccolta del polline, ma nell'Australia occidentale e in alcune parti dell'Asia un'erba autoctona attende che insetti ignari si posino sul fiore in cerca del suo nettare. Al momento giusto, una mazza dal manico lungo si protende da sotto i petali e schiaffeggia il polline sull'insetto in visita.

Suona come una scena di un film di fantascienza? La stella è la pianta trigger (Stylidium graminifolium). Cos'è una pianta trigger e cosa fa esattamente la pianta trigger? Continua a leggere per ulteriori informazioni su come la pianta esegue il suo strano rituale di impollinazione.

Attivare l'impollinazione delle piante

Più di 150 specie di piante innescate risiedono nella parte sud-occidentale dell'Australia occidentale, la più grande concentrazione di fiori affascinanti, rappresentando il 70% delle piante innescate in tutto il mondo.

La mazza, o colonna come viene chiamata, che si trova sulla pianta trigger contiene sia le parti riproduttive maschili che quelle femminili (stame e stigma). Quando l'impollinatore atterra, lo stame e lo stigma si alternano con il ruolo principale. Se l'insetto sta già trasportando il polline di un altro Stylidium, la parte femminile può accettarlo e voilà, l'impollinazione è completa.

Il meccanismo della colonna è attivato dalla differenza di pressione quando un impollinatore atterra sul fiore, provocando un cambiamento fisiologico che invia la colonna verso l'insetto con lo stame o lo stigma che fa la sua cosa. Estremamente sensibile al tatto, la colonna completa la sua missione in soli 15 millisecondi. Ci vogliono da pochi minuti a mezz'ora per resettare il grilletto, a seconda della temperatura e della specie specifica. Temperature più fresche sembrano corrispondere a movimenti più lenti.

Il braccio del fiore è preciso nel suo scopo. Specie diverse colpiscono parti diverse dell'insetto e in modo coerente. Gli scienziati dicono che aiuta a evitare l'autoimpollinazione o l'ibridazione tra le specie.

Informazioni aggiuntive sull'impianto di attivazione

Le piante trigger prosperano in habitat variabili tra cui pianure erbose, pendii rocciosi, foreste e lungo ruscelli. La specie S. graminifolium, che si trova in tutta l'Australia, può tollerare una gamma più ampia di habitat poiché è utilizzata per una maggiore diversità. Le piante trigger originarie dell'Australia occidentale tendono ad essere resistenti al freddo da -1 a -2 gradi Celsius (da 28 a 30 F.).

Alcune specie possono essere coltivate nella maggior parte del Regno Unito e negli Stati Uniti fino a New York City o Seattle. Coltiva le piante trigger in un terreno umido povero di nutrienti. Evita di disturbare le radici per piante più sane.

Immagine di Albert Wright

Lascia un commento