Informazioni sulla pianta Hydrilla: impara come uccidere le erbacce delle piante Hydrilla

Hydrilla è un'erbaccia acquatica invasiva. È stata introdotta negli Stati Uniti come pianta da acquario, ma è sfuggita alla coltivazione ed è ora un'erbaccia seria. Il controllo delle infestanti Hydrilla è necessario per prevenire la diminuzione della flora autoctona. Nella maggior parte degli stati, è illegale possedere o trasportare la specie. La pianta cresce rapidamente, si diffonde facilmente e compete con la vegetazione autoctona. Inoltre sporca i corsi d'acqua con le sue spesse stuoie aggrovigliate di steli. La pianta è un'erba nociva elencata a livello federale. Continuate a leggere per saperne di più.

Cos'è Hydrilla?

La gestione di Hydrilla è responsabilità degli abitanti di stagni e laghi. Cos'è Hydrilla? La pianta viene spesso confusa con la nostra nativa Elodea, ma ha uno o più denti sul lato inferiore della nervatura centrale. Questo dà alla pianta una sensazione ruvida quando trascini la mano lungo lo stelo.

La pianta è originaria dell'Africa, dell'Australia e di parti dell'Asia, ma è riuscita a conquistare molte aree della nostra flora nativa qui negli Stati Uniti La pianta è di maggiore preoccupazione negli stati meridionali ma è riuscita a migrare in piccole popolazioni verso le regioni occidentali . È stato anche scoperto in alcune regioni settentrionali e del Midwest.

L'identificazione è il primo passo verso l'eradicazione. Hydrilla è una pianta perenne con fitte stuoie di steli che crescono in acqua a oltre 20 piedi di profondità. Gli steli sono serpeggianti e numerosi, che galleggiano in un groviglio sulla superficie dell'acqua. Le foglie sono strette con una certa dentellatura, lunghe da 1/8 a 3/8 di pollice e hanno spine sul lato inferiore della nervatura centrale.

Questa pianta si riproduce per seme che viene trasportato sull'acqua ma anche per frammentazione. Ogni minuscolo frammento della pianta che viene interrotto ha la capacità di diventare un'altra pianta. Nelle aree con attività ricreative acquatiche, le piante vengono costantemente strappate per perpetuare il problema.

Una nota positiva delle informazioni sulla pianta Hydrilla è il suo contributo come habitat per pesci e animali. Inizialmente la pianta ha effetti benefici sulle zone di pesca ma, nel tempo, i bassi livelli di ossigeno nelle stuoie non favoriscono la crescita degli animali locali.

Come uccidere Hydrilla

I gestori acquatici e della fauna selvatica hanno scoperto quanto possa essere difficile la gestione dell'idrilla. Ciò è dovuto alla sua facilità di diffusione e riproduzione. Il controllo delle erbe infestanti Hydrilla è motivo di preoccupazione nella maggior parte degli Stati Uniti ed è diventato un problema economico in alcune regioni.

Già negli anni '1980, 49 milioni di dollari furono spesi per la gestione dell'idrilla. Da allora i numeri sono aumentati fino a quando le infestazioni sono diventate un onere di bilancio in quelle località con la più alta popolazione di piante. È ormai noto che la tolleranza al freddo è un altro aspetto delle informazioni sulle piante Hydrilla, un dettaglio che rende la gestione ancora più impegnativa.

Metodi di controllo delle erbacce Hydrilla

Il dragaggio e l'estrazione a mano o la pesca a strascico non sono strategie efficaci. Ciò è dovuto alla facilità con cui la pianta si stabilisce da piccoli frammenti. I frammenti di stelo con un solo nodo possono formare radici e germogli in un paio di giorni.

Il controllo fisico come l'abbassamento dei livelli dell'acqua, l'aggiunta di coloranti acquatici o la copertura della superficie dell'acqua per ridurre la luce hanno un effetto minimo. Gli stagni drenati possono rispondere agli erbicidi granulari applicati al fango per eliminare i tuberi.

Le carpe erbivore sono state introdotte in alcune zone e sono efficienti nel mangiare e nel rimuovere alcune piante.

Il controllo chimico è il più efficace ma non può essere utilizzato in presenza di acqua potabile. Il rame, mescolato con altri erbicidi, è uno strumento utile, ma bisogna fare attenzione intorno ai pesci.

Altre sostanze chimiche includono diquat, endothall, fluridone e diclobenil. Ognuno di questi presenta rischi estesi e dovrebbe essere applicato da un professionista o utilizzando formule approvate raccomandate per la gestione acquatica. Applicare tutte le precauzioni e rispettare completamente le istruzioni relative ai metodi e alle tariffe di applicazione.

Immagine di cowboy5437

Lascia un commento