Orchidea idroponica in crescita – come coltivare orchidee in acqua

Una delle famiglie di piante più collezionabili sono le orchidee. Le orchidee coltivate in acqua sono una nuova avventura culturale per collezionisti seri. La coltivazione di orchidee idroponiche è anche chiamata cultura dell'acqua e potrebbe rivelarsi la soluzione per un'orchidea in difficoltà. Il metodo è in realtà abbastanza semplice e abbastanza infallibile, richiede solo un contenitore appropriato, acqua, strumenti sterili e un po 'di pazienza. Impara come coltivare le orchidee in acqua con questo rapido tutorial.

Posso coltivare orchidee in acqua?

Le orchidee possono essere piuttosto pignole riguardo al loro ambiente di crescita. I supporti molli o infetti possono causare deterioramento della salute e altri problemi se mantenuti in modo improprio. La maggior parte dei coltivatori usa una miscela di corteccia fatta apposta per le piante, ma c'è un altro metodo che è ancora più efficace e abbastanza sorprendente ... la coltura dell'acqua. Anche se potresti chiederti: "Posso coltivare orchidee in acqua", questa tecnica è abbastanza semplice anche per un principiante e può aiutare a migliorare la salute della tua pianta.

Le orchidee sono principalmente epifite, ma alcune sono terrestri. Ogni varietà avrà le proprie preferenze multimediali ma, in media, qualsiasi tipo va bene in un buon mix di orchidee. Le piante che provengono direttamente da un vivaio, tuttavia, possono avere le radici avvolte nel muschio di sfagno. Questo è utile per mantenere le radici umide ma non per lasciarle asciugare e può anche ospitare agenti patogeni.

Se vedi la tua orchidea che sembra appuntita, potrebbe essere il momento di toglierla dal vaso ed esaminare le condizioni della radice. L'ispezione visiva è il modo più semplice per determinare se la pianta ha problemi con radici o pseudobulbo. La coltivazione di orchidee idroponiche può essere la soluzione per una pianta che rimane troppo bagnata. Si basa su una rotazione composta da 2 giorni di ammollo in acqua e 5 giorni di essiccazione (di solito, ma ogni pianta è diversa). Questo imita più da vicino l'esperienza selvaggia della pianta e lascia respirare le radici.

Come coltivare le orchidee in acqua

Le orchidee coltivate in acqua sperimentano quali forme epifite della pianta potrebbero subire. Le orchidee epifite crescono in pochissimo terreno e raccolgono gran parte della loro umidità dall'aria. Ciò significa che l'umidità è costante, nella maggior parte dei casi, ma mai eccessiva o paludosa. La crescita delle orchidee in acqua fornisce alla pianta una situazione culturale che consente l'umidità appena sufficiente durante l'ammollo e quindi consente alle radici aeree di asciugarsi per prevenire gli agenti patogeni.

Basta disimballare la pianta, rimuovere qualsiasi supporto (inclusi muschio e frammenti di corteccia) e stuzzicare delicatamente le radici dal loro piccolo groviglio stretto. Quindi sciacquare bene le radici e, usando potatori sterili, tagliare delicatamente il materiale scolorito o marcio. La tua pianta è ora pronta per il bagnomaria. Ad alcuni coltivatori piace usare una polvere antifungina, perossido di idrogeno o cannella per pulire ulteriormente le radici. Questo non è necessario nella coltivazione di orchidee idroponiche a meno che la tua pianta non abbia un serio problema di marciume.

Puoi posizionare la tua orchidea in qualsiasi contenitore con spazio sufficiente per far crescere le radici, ma è divertente usare il vetro in modo da poter osservare il progresso della pianta. Il contenitore non deve essere molto profondo, ma i lati alti e curvi possono aiutare a sostenere la pianta e impedirne il ribaltamento. Molti coltivatori di orchidee idroponiche usano anche ciottoli di argilla sul fondo per aiutare a sostenere le radici e sollevare la corona dall'umidità per prevenire la putrefazione.

Il mezzo potrebbe sembrare semplice - non è solo acqua? Ma ci sono tipi buoni e cattivi. Alcuni comuni trattano la loro acqua finché non è carica di sostanze chimiche e può essere piuttosto tossica per le piante. Un percorso migliore è usare l'acqua piovana o distillata. È importante utilizzare acqua tiepida per evitare di scioccare la pianta.

Un'altra nota ... alcuni coltivatori semplicemente lasciano le loro orchidee nell'acqua tutto il tempo con cambi d'acqua settimanali o bisettimanali. Altri giurano immergendo l'orchidea per 2 giorni e poi lasciandola asciugare per 5 giorni, ma in realtà puoi farlo in entrambi i casi. Osserva attentamente la tua pianta per suggerimenti sulla sua continua crescita e salute.

Lascia un commento