Phlox strisciante marciume nero – trattamento del phlox strisciante con sintomi di marciume nero

La putrefazione nera sul phlox strisciante è un grave problema per le piante da serra, ma questa malattia fungina distruttiva può anche affliggere le piante del giardino. Le piante gravemente infette spesso muoiono perché le radici non sono in grado di assorbire sostanze nutritive e acqua. L'identificazione e il trattamento precoci sono fondamentali per la gestione della malattia. Continua a leggere per sapere cosa fare contro il phlox strisciante con marciume nero.

Sintomi di marciume nero su Phlox strisciante

Il flox strisciante con marciume nero può inizialmente sembrare che le piante manchino di fertilizzante. Quando le infezioni sono lievi, le foglie più vecchie sono spesso verde-giallastre, mentre le foglie più giovani possono assumere una tinta rossastra. Man mano che la malattia progredisce, le foglie inferiori si arricciano verso il basso.

Le radici delle piante di phlox striscianti in decomposizione mostrano macchie marrone chiaro e si sviluppano lesioni sugli steli. Alla fine, le radici si raggrinziscono e diventano marroni o nere.

Cause di strisciante Phlox Black Rot

Il marciume nero è favorito quando il tempo è umido e le temperature sono fresche, tra 55 e 61 F. (12-16 C.). La malattia è meno comune quando le temperature sono 72 F. (22 C.) e oltre.

Il marciume nero sul phlox strisciante si diffonde attraverso il terreno e dalla pioggia o dagli irrigatori in testa tramite spore trasportate dall'acqua. Un'irrigazione eccessiva contribuisce al problema.

Le piante coltivate in terreno alcalino sono anche più suscettibili al marciume nero. Nelle serre, i moscerini fungini sono efficienti nel diffondere la malattia.

Trattare il Phlox strisciante con il marciume nero

Trattare il flox strisciante con marciume nero è difficile perché le spore vivono nel terreno, sugli attrezzi da giardinaggio e in vasi infetti per lungo tempo. Tuttavia, un attento monitoraggio e una cura vigile possono limitare i danni. Ecco alcuni suggerimenti utili:

Rimuovere immediatamente le piante o parti di piante malate per limitare la diffusione della malattia. Smaltire la crescita infetta in sacchetti sigillati o bruciandola.

Evita l'irrigazione eccessiva. Irrigare al mattino è meglio perché il fogliame ha il tempo di asciugarsi prima che le temperature scendano la sera.

Fertilizzare regolarmente, ma non nutrire eccessivamente le piante. Una nuova crescita rigogliosa può essere più suscettibile alla malattia del marciume nero.

Piante sottili quanto basta per evitare il sovraffollamento.

Mantieni un terreno leggermente acido perché il marciume nero prospera in condizioni neutre o alcaline. Testa prima il tuo terreno per determinare quanto aggiustamento è necessario. I test sono disponibili nella maggior parte dei garden center. Il tuo ufficio di estensione cooperativa locale può anche consigliarti sul pH del suolo.

Se stai coltivando il phlox strisciante in una serra, assicurati di mantenere l'area di coltivazione e l'intera serra il più pulite possibile.

Non riutilizzare vassoi o vasi per phlox o altre piante sensibili. Molte piante ornamentali sono suscettibili al marciume nero, tra cui:

  • Begonia
  • viola del pensiero
  • Impatiens
  • Fucsia
  • verbena
  • bocca di leone
  • Vinca
  • Heuchera
  • Cuore sanguinante
  • Gaillardia

I fungicidi possono essere efficaci se applicati regolarmente, ma solo se applicati alla comparsa dei primi sintomi. Se le condizioni meteorologiche sono favorevoli al marciume nero, prendi in considerazione il trattamento con fungicida prima che si manifestino i sintomi.