Piante di vite zona 3: coltivazione di viti in fiore nei climi freddi

Le regioni fredde dell'emisfero settentrionale possono essere aree difficili per le piante a meno che non siano autoctone. Le piante autoctone sono adattate alle temperature gelide, alle piogge eccessive e alle raffiche di vento e prosperano nelle loro regioni indigene. Le viti resistenti al freddo per la zona 3 del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti si trovano spesso selvatiche e importanti fonti di cibo e riparo per gli animali. Molti sono anche ornamentali e rendono perfette viti da fiore nei climi freddi. Seguono alcuni suggerimenti per le piante di vite della zona 3.

Viti in fiore nei climi freddi

I giardinieri tendono a desiderare varietà nel paesaggio e in estate è allettante acquistare viti da fiore non autoctone. Ma attenzione, queste piante sono solitamente ridotte allo stato annuale nei climi più freddi dove l'asprezza dell'inverno ucciderà la zona delle radici e la pianta. Coltivare viti fiorite resistenti che sono native possono ridurre questo spreco e incoraggiare la fauna selvatica nel paesaggio.

Le viti di bouganville, gelsomino e passiflora sono aggiunte paesaggistiche spettacolari, ma solo se vivi nella zona corretta. Le piante di vite della zona 3 devono essere resistenti e adattabili a temperature da -30 a -40 Fahrenheit (da -34 a -40 C.). Queste condizioni sono troppo estreme per molte viti ornamentali in fiore, ma alcune sono particolarmente adatte come viti in fiore per la zona 3.

  • Il caprifoglio è una vite perfetta per la zona 3. Produce abbondanti fiori a forma di tromba che si sviluppano in bacche che nutrono gli uccelli e la fauna selvatica.
  • Il glicine del Kentucky è un altro vitigno fiorito resistente. Non è aggressivo come le altre viti di glicine, ma produce comunque i delicati grappoli pendenti dei fiori di lavanda.
  • L'elegante e abbondante clematide è un'altra delle viti in fiore per la zona 3. A seconda della classe, queste viti possono fiorire dalla primavera all'estate.
  • Il Lathyrus ochroleucus, o crema peavine, è originario dell'Alaska e può resistere alle condizioni della zona 2. I fiori bianchi compaiono per tutta l'estate.

Anche le viti con cambio di colore stagionale sono gradite aggiunte al giardino della zona 3. Esempi classici potrebbero essere:

  • Virginia rampicante ha un display a colori che inizia viola in primavera, diventa verde in estate e finisce con un botto in autunno con foglie scarlatte.
  • L'edera di Boston è autoadesiva e può raggiungere i 50 piedi di lunghezza. Presenta foglie a tre parti che sono di colore verde lucido e diventano rosso-arancio in autunno. Questa vite produce anche bacche blu scuro-nere, che sono un alimento importante per gli uccelli.
  • L'agrodolce americano richiede una pianta maschio e una femmina in prossimità per produrre le bacche arancione rossastre. È un vitigno basso e irregolare con interni giallo arancio brillante. Diffidare di ottenere l'agrodolce orientale, che potrebbe diventare invasivo.

Coltivare Viti Fiorite Hardy

Le piante in climi più freddi beneficiano di un terreno ben drenante e di una medicazione superiore con uno spesso pacciame organico per proteggere le radici. Anche piante resistenti come il kiwi artico o l'ortensia rampicante possono sopravvivere alle temperature della zona 3 se piantate in un luogo riparato e fornite una certa protezione durante i periodi più freddi dell'inverno.

Molte di queste viti sono autoadesive, ma per quelle che non lo sono, è necessario picchettare, incordare o tralicciare per impedire loro di oscillare sul terreno.

Potare le viti in fiore solo dopo che sono fiorite, se necessario. Le viti Clematis hanno requisiti di potatura speciali a seconda della classe, quindi sii consapevole di quale classe hai.

I vitigni autoctoni resistenti dovrebbero prosperare senza particolari cure, poiché sono adatti per crescere spontaneamente in quella regione. È possibile coltivare viti fiorite resistenti nel freddo della zona 3, a condizione che tu scelga le piante adatte alla tua zona.

Immagine di Matt Lavin

Lascia un commento