Cosa sono i chayote – come coltivare la zucca chayote

Le piante di Chayote (Sechium edule) fanno parte della famiglia delle Cucurbitacee, che comprende cetrioli e zucca. Conosciute anche come pera vegetale, mirliton, choko e midollo alla crema, le piante di chayote sono originarie dell'America Latina, in particolare del Messico meridionale e del Guatemala. Il chayote in crescita è stato coltivato sin dai tempi precolombiani. Oggi le piante vengono coltivate anche in Louisiana, Florida e negli Stati Uniti sudoccidentali, anche se la maggior parte di ciò che consumiamo viene coltivata e poi importata da Costa Rica e Porto Rico.

Cosa sono i chayote?

Chayote, come accennato in precedenza, è una cucurbita, vale a dire una verdura di zucca. Il frutto, i gambi, le foglie giovani e persino i tuberi si consumano al vapore o bolliti in stufati, pappe, succhi, salse e primi piatti. Popolare nei paesi dell'America centrale e meridionale, la zucca chayote fu introdotta nelle Antille e nel Sud America tra il XVIII e il XIX secolo con la prima menzione botanica nel 1756.

Utilizzati principalmente per il consumo umano, i gambi della zucca chayote vengono utilizzati anche per realizzare cesti e cappelli. In India, la zucca viene utilizzata per il foraggio e per l'alimentazione umana. Le infusioni di foglie di chayote in crescita sono state usate per trattare i calcoli renali, l'arteriosclerosi e l'ipertensione.

Il frutto delle piante di chayote è di colore verde chiaro con buccia liscia, a forma di pera e povero di calorie con una discreta quantità di potassio. La zucca Chayote è disponibile da ottobre a marzo, anche se a causa della sua maggiore popolarità, più negozi la vendono tutto l'anno. Scegli frutta di colore uniforme e priva di macchie e poi conserva la frutta in un sacchetto di plastica in frigorifero per un massimo di un mese.

Come coltivare Chayote

Il frutto delle piante di chayote è sensibile al freddo, ma può essere coltivato fino a nord fino alla zona di coltivazione USDA 7 e svernerà nelle zone 8 e più calde tagliando la vite al livello del suolo e pacciamando pesantemente. Nel suo clima nativo, il chayote dà frutti per diversi mesi, ma qui non fiorisce fino alla prima settimana di settembre. È quindi necessario un periodo di 30 giorni senza gelo per ottenere i frutti.

Il chayote può essere germogliato dalla frutta acquistata al supermercato. Basta scegliere i frutti senza macchia che sono maturi, quindi adagiarli su un lato in un vaso da 1 gallone di terreno con il gambo sollevato a un angolo di 45 gradi. Il vaso deve essere posizionato in una zona soleggiata con temperature comprese tra 80-85 F. (27-29 C.) con annaffiature occasionali. Una volta che si sviluppano XNUMX-XNUMX serie di foglie, pizzica la punta del corridore per creare un ramo.

Prepara una collina con una miscela di 20 libbre di letame e terreno in un'area di 4 × 4 piedi di pieno sole. Se il terreno tende all'argilla pesante, mescola con il compost. Nelle zone 9-10, scegli un sito che protegga il chayote dai venti secchi e che fornisca ombra pomeridiana. Trapiantare dopo che è passato il pericolo di gelo. Piante spaziali a 8-10 piedi di distanza e forniscono un traliccio o una recinzione per sostenere le viti. È noto che le vecchie viti perenni crescono di 30 metri in una stagione.

Annaffiare le piante in profondità ogni 10-14 giorni e dosare con emulsione di pesce ogni due o tre settimane. Se vivi in ​​una regione piovosa, vesti la collina con letame o compost. Chayote è molto suscettibile alla decomposizione; infatti, quando si cerca di far germogliare il frutto è meglio inumidire il terriccio una volta e poi non di nuovo fino a quando non emerge il germoglio.

Chayote è suscettibile agli stessi attacchi di insetti che affliggono altre zucche. L'applicazione di sapone insetticida o neem può controllare gli insetti, comprese le mosche bianche.

Usa i guanti durante il peeling e la preparazione del chayote poiché la linfa può causare irritazione alla pelle.

Immagine di wlcutler

Lascia un commento