Germinazione dei semi di orchidea: puoi coltivare un’orchidea dal seme

Puoi coltivare un'orchidea dal seme? La coltivazione di orchidee da seme viene solitamente eseguita nell'ambiente altamente controllato di un laboratorio. Piantare semi di orchidea a casa è difficile, ma è possibile se hai molto tempo e pazienza. Tieni presente che, anche se hai successo nella germinazione dei semi di orchidea, ci vogliono un mese o due perché le prime minuscole foglie si sviluppino e potrebbero volerci anni prima che tu possa vedere la prima fioritura. È facile capire perché le orchidee sono così costose!

Come coltivare le orchidee dal seme

Imparare a coltivare le orchidee dai semi è davvero complicato, ma abbiamo fornito alcuni dettagli di base da considerare.

Semi di orchidea: I semi di orchidea sono incredibilmente piccoli. In effetti, una compressa di aspirina pesa più di 500,000 semi di orchidea, anche se alcuni tipi possono essere leggermente più grandi. A differenza della maggior parte dei semi di piante, i semi di orchidea non hanno capacità di immagazzinamento nutrizionale. Nel loro ambiente naturale, i semi atterrano sul terreno contenente funghi micorrizici, che penetrano nelle radici e converte i nutrienti in forme utilizzabili.

Tecniche di germinazione: I botanici usano due tecniche per germinare i semi di orchidea. La prima, la germinazione simbiotica, è un processo complicato che richiede l'uso di funghi micorrizici, come descritto sopra. La seconda, la germinazione asimbiotica, prevede la germinazione dei semi in vitro, utilizzando l'agar, una sostanza gelatinosa che contiene i nutrienti e gli ormoni della crescita necessari. La germinazione asimbiotica, nota anche come flasking, è più facile, veloce e affidabile per la coltivazione di orchidee da seme a casa.

Condizioni sterili: I semi (solitamente capsule di semi, che sono più grandi e più facili da maneggiare) devono essere sterilizzati senza danneggiare il seme. La sterilizzazione per la germinazione dei semi di orchidea a casa è un processo che generalmente richiede acqua bollente, candeggina e lisolo o etanolo. Allo stesso modo, tutti i contenitori e gli strumenti devono essere accuratamente sterilizzati e l'acqua deve essere bollita. La sterilizzazione è complicata ma assolutamente necessaria; sebbene i semi di orchidea prosperino nella soluzione gel, così fanno una varietà di funghi e batteri mortali.

Trapianto: Le piantine di orchidee di solito devono essere diradate intorno ai 30-60 giorni, anche se potrebbe essere necessario molto più tempo prima che le piantine raggiungano le dimensioni del trapianto. Ogni piantina viene spostata dal contenitore originale a un nuovo contenitore, anch'esso riempito con agar gelatinoso. Alla fine, le giovani orchidee vengono spostate in vasi pieni di corteccia grossolana e altri materiali. Per prima cosa, però, le giovani piante devono essere messe in acqua calda per ammorbidire l'agar, che viene poi rimosso lavando in acqua tiepida.

Immagine di foto d'artista

Lascia un commento