Informazioni sul fungo Phytophthora: suggerimenti per il controllo della putrefazione della radice di Phytophthora

È il peggior incubo di un giardiniere: un albero giovane, amorevolmente stabilito e bagnato con affetto rifiuta di manifestarsi, invece crolla diversi anni dopo la semina. L'albero non ha avuto problemi con insetti o malattie visibili, è semplicemente svanito. Il colpevole in casi come questo è spesso la phytophthora, un agente patogeno presente nel suolo che infetta alberi, piante legnose e persino ortaggi.

Cos'è Phytophthora?

Un tempo noto come fungo phytophthora, questo organismo è ora classificato come un oomicete, una forma di vita simile al fungo ma più strettamente correlata alle alghe. Anche se forse una distinzione insignificante quando le tue piante sono malate, questa nuova comprensione potrebbe consentire metodi di controllo migliori nel prossimo futuro. Esistono molte specie di phytophthora, alcune che favoriscono il clima più caldo e altre più fredde, ma la maggior parte di questi oomiceti compare in primavera e in autunno.

I sintomi di Phytophthora sono spesso generalizzati, causando debolezza e lento collasso nelle piante colpite. I primi segnali di allarme sono pochi; la maggior parte delle piante appare stressata dalla siccità indipendentemente dall'irrigazione adeguata. Alcune piante appassiscono e muoiono a causa dello stress idrico durante il primo clima caldo dopo l'infezione, ma altre persistono per diversi anni prima di soccombere. Le foglie possono apparire opache o sbiadire in giallo, rosso o viola molto prima che inizi l'autunno.

Controllo del marciume radicale della Phytophthora

A volte un albero che mostra i sintomi della phytophthora può essere salvato rimuovendo il terreno intorno alla base dell'albero fino alla cima delle radici principali, tagliando via la corteccia che è melmosa o scura e lasciando esposto il sistema radicale. Ciò consente al sistema radicale di asciugarsi completamente, rallentando la diffusione della phytophthora.

Nella maggior parte degli altri casi, la gestione della phytophthora è limitata alla prevenzione. Alberi e arbusti, come le azalee, dovrebbero essere piantati in aree ben drenanti, in modo che le loro radici rimangano asciutte per la maggior parte della giornata. Phytophthora ha bisogno solo di quattro ore di acqua stagnante per germogliare, rendendo difficile combattere in aree con scarso drenaggio. Alcuni giardinieri aggirano questo problema piantando il loro paesaggio su tumuli alti da 8 a 10 pollici e facendo molta attenzione a piantare corone alla stessa profondità in cui si trovavano al vivaio (spesso indicato da una linea scura sul tronco).

Gli alberi ben consolidati sono colpiti meno frequentemente rispetto agli alberi più giovani perché hanno radici ampiamente diffuse che forniscono molte strade per l'acqua e il nutrimento. Se alcune sezioni sono danneggiate, sono pronte a compensare. Nelle piante più piccole, come arbusti o verdure, tutte le scommesse sono sbagliate: possono essere perse a causa della phytophthora prima ancora che ti rendi conto che la malattia ha preso piede.

Immagine di Scot Nelson

Lascia un commento