Mosaico di foglie di anguria: scopri il virus del mosaico delle viti di anguria

Il virus del mosaico dell'anguria è in realtà piuttosto carino, ma le piante possono produrre pochi frutti e ciò che sviluppano è malformato e scolorito. La dannosa malattia è introdotta da un minuscolo insetto così piccolo da essere difficile da vedere ad occhio nudo. Questi piccoli piantagrane possono causare gravi effetti negativi nelle colture di anguria. Ecco alcuni trucchi per riconoscere la malattia e minimizzarne i danni.

Diagnosi di piante di anguria con virus del mosaico

La malattia del mosaico delle foglie di anguria deriva da Potyviris, un virus comune nelle cucurbitacee. I sintomi della malattia sono diversi tra zucca, meloni, zucche e persino cucurbitacee selvatiche che infetta. Anche i piselli e l'erba medica sono colpiti. Il virus del mosaico dell'anguria si manifesta inizialmente sulle foglie ma persiste a diffondersi agli steli e ai frutti. Un controllo efficace può essere ottenuto solo dalla vigilanza di un giardiniere e da buone pratiche culturali.

I primi segni di infezione sono l'ingiallimento delle foglie e la clorosi marginale. L'ingiallimento è più spesso alle vene e ai bordi delle foglie ed è irregolare, dando luogo a una caratteristica forma a mosaico. Le foglie giovani si deformano e si deformano. Le foglie sono più piccole del solito e hanno regioni simili a vesciche.

Se si forma un frutto, sono sminuiti, scoloriti e possono presentare chiazze e un aspetto verrucoso. Il sapore non è influenzato in modo significativo ma la commerciabilità del frutto è diminuita. Poiché si formano pochi frutti, le dimensioni del raccolto sono notevolmente ridotte. Inoltre, la malattia si diffonde facilmente e può colpire molte altre colture.

Controllo del virus del mosaico dell'anguria

Trattare il virus del mosaico delle angurie può essere complicato, ma il primo passo è riconoscere il problema. Aiuta anche a sapere come viene trasmessa la malattia. Viene trasferito nelle piante solo attraverso attività di alimentazione di diverse specie di afidi o da minatori di foglie.

L'infezione è trasmissibile solo per poche ore, ma durante il periodo di alimentazione elevato, gli insetti possono infettare una miriade di piante. Il virus può anche svernare nei semi o ospitare erbacce. Le piante installate nell'ultimo periodo della stagione sono maggiormente colpite perché il numero di insetti è elevato.

La strategia di gestione più importante è la pulizia. Rimuovere tutti i vecchi detriti e mantenere igienizzati gli strumenti manuali e meccanici. La rotazione delle colture è anche un metodo riconosciuto per ridurre al minimo l'incidenza della malattia. Mantenere l'area libera dalle erbacce, in particolare dai cugini selvatici della patata dolce, che possono ospitare il virus. Rimuovi e distruggi le piante infette per prevenire la diffusione della malattia. Il controllo degli insetti è essenziale.

Utilizzare barriere per insetti dove applicabile. Alcuni giardinieri giurano per un pacciame di pacciamatura di plastica argentata riflettente intorno alle piante. A quanto pare, agli insetti non piace la lucentezza, ma è efficace solo fino a quando le viti e le foglie non lo coprono. Gli insetticidi non sono utili poiché l'insetto ha il tempo di trasmettere il virus prima che muoia.

Immagine di Scot Nelson

Lascia un commento