Piante di giglio della zona 5: i migliori gigli per i giardini della zona 5

I gigli sono una delle piante in fiore più spettacolari. Ci sono molte varietà tra cui scegliere, con gli ibridi una parte comune del mercato. I gigli più resistenti al freddo sono le specie asiatiche, che sopravvivono facilmente nella zona 3 dell'USDA. Non sei ridotto a usare i gigli asiatici nelle regioni fredde. Spesso, la crescita dei gigli nella zona 5 richiederà un inizio precoce al chiuso e il sollevamento per conservarli per l'inverno, ma non lasciare che questo ti impedisca di goderti una gamma completa di bulbi.

Le migliori piante di giglio della zona 5

I gigli sono classificati come appartenenti al Lillium, un grande genere di piante erbacee da fiore che derivano dai bulbi. Esistono nove divisioni principali di ibridi di giglio, dividendoli per forma ma principalmente per le loro piante madri. Non tutti sono adatti per le condizioni climatiche della zona 5, che possono variare tra -10 e -20 gradi Fahrenheit (da -23 a -29 C.).

I gigli hanno bisogno di un periodo di fresche condizioni dormienti per promuovere la fioritura, ma una parola di cautela ai giardinieri del nord: i bulbi possono essere soggetti a congelamento nei climi freddi, il che può rovinare la pianta e far marcire i bulbi. La scelta dei migliori gigli per la zona 5 contribuirà al tuo crescente successo. Inoltre, la coltivazione di gigli nella zona 5 che sono marginalmente resistenti può essere ottenuta posizionandoli in un "microclima" più caldo nel tuo giardino e pacciamando i bulbi pesantemente per l'inverno per proteggerli dal freddo.

Uno dei migliori gigli per la zona 5 è il giglio asiatico. Questi sono estremamente resistenti, hanno bisogno di poche cure e prosperano in aree in cui i teneri gigli orientali non possono. Sono inoltre disponibili in molti colori, in bianco, rosa, arancio, giallo e rosso. Sono i primi gigli a fiorire, generalmente da inizio a metà estate.

Un ibrido popolare, LA Hybrids, fiorisce più a lungo durante la stagione e con un profumo delicato e delizioso. Altri ibridi da provare potrebbero essere Red Alert, Nashville e Eyeliner. Né i veri asiatici né i loro ibridi richiedono picchettamento e hanno facce rivolte verso l'alto di lunga durata con petali leggermente ricurvi.

L'Università del Minnesota afferma che alcuni dei gigli orientali sono adatti per quel clima di zona 5a e 5b. Gli ibridi orientali sono più resistenti dei gigli orientali puri. Questi fioriscono più tardi degli asiatici e portano un profumo inebriante. Questi gigli resistenti al freddo beneficeranno comunque del pacciame sul sito in inverno e del terreno ben preparato che drena facilmente.

Gli ibridi orientali vanno da 3 a 6 piedi di altezza con fiori grandi, spesso arricciati, e profumi pesanti. Alcuni degli ibridi orientali più resistenti sono:

  • Casa Blanca
  • Bellezza nera
  • Stargazer
  • Fine del viaggio
  • Nastri gialli

Opzioni aggiuntive di Hardy Lily

Se vuoi provare qualcosa di diverso dalle varietà asiatiche o orientali, ci sono alcuni altri tipi di giglio che saranno resistenti alla zona 5 dell'USDA.

I gigli di Turk's Cap crescono da 3 a 4 piedi di altezza e sono anche conosciuti come Martagons. I fiori sono piccoli e delicati, con petali ricurvi. Queste sono piccole piante molto resistenti e possono produrre fino a 20 fiori per gambo.

Il giglio della tromba è un'altra classe di Lillium. I più conosciuti sono i gigli pasquali, ma esistono anche ibridi aureliani.

I gigli tigre sono probabilmente familiari alla maggior parte dei giardinieri. I loro fiori lentigginosi aumentano nel corso degli anni ei colori vanno dall'oro all'arancio e alcune sfumature di rosso.

Gigli di Rubrum sono marginalmente resistenti nella zona 5. I gigli in crescita nella zona 5 di questo gruppo possono richiedere pacciame extra o addirittura sollevarli se si trovano nelle parti più fredde della regione. I colori in questo gruppo sono tra i rosa e i bianchi.

Le piante di giglio della zona 5 non sono solo possibili, ma ci sono molte piante resistenti tra cui scegliere.

Lascia un commento