Prendersi cura della pianta di lino della Nuova Zelanda – come coltivare le piante di lino della Nuova Zelanda

Un tempo si pensava che il lino della Nuova Zelanda (Phormium tenax) fosse imparentato con l'Agave, ma da allora è stato inserito nella famiglia Phormium. Le piante di lino della Nuova Zelanda sono piante ornamentali popolari nella zona 8 del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. La loro forma a ventaglio e la facile crescita dai rizomi sono accenti eccellenti in contenitori, giardini perenni e persino nelle regioni costiere. Una volta che sai come coltivare il lino della Nuova Zelanda, potresti essere ricompensato con piante larghe da 6 a 10 piedi (da 1.8 a 3 m) con un'incredibile altezza potenziale di 20 piedi (6 m) in condizioni perfette.

Informazioni sulla pianta di lino della Nuova Zelanda

Le piante di lino della Nuova Zelanda hanno due specie principali in coltivazione ma numerose cultivar. Le cultivar mostrano i colori del fogliame rosso, giallo, verde, bordeaux, viola, marrone e molti altri. Ci sono anche lino variegato per un emozionante contrasto fogliare. Se le piante si trovano in regioni abbastanza calde, prendersi cura del lino della Nuova Zelanda è un gioco da ragazzi con pochi disturbi di insetti o malattie e uno stabilimento resistente.

Questo lino prende il nome dalle sue foglie fibrose, che un tempo venivano utilizzate per realizzare cesti e tessuti. Tutte le parti della pianta erano usate con medicine ricavate dalle radici, cipria dal polline dei fiori e vecchi steli fioriti legati insieme come zattere. Le foglie sono a forma di chiglia, arrivando a un punto deciso. Possono essere usati come piante decorative nelle zone da 9 a 11 con la migliore crescita nella zona 8.

Le informazioni sulle piante di lino della Nuova Zelanda indicano che i fiori tubolari e vistosi compaiono sugli steli eretti ma solo nella loro regione nativa e raramente nella cura della serra. Le piante di lino della Nuova Zelanda offrono interesse architettonico ma non sono resistenti all'inverno e dovrebbero essere portate in casa per l'inverno nella maggior parte dei climi.

Come coltivare il lino della Nuova Zelanda

Il lino della Nuova Zelanda è una pianta perenne a crescita lenta. Il metodo di propagazione più comune è la divisione e gli esemplari completamente radicati sono ampiamente disponibili presso i centri vivaistici.

Uno dei requisiti principali di questa pianta è un terreno ben drenante. I terreni paludosi o argillosi pesanti ridurranno la crescita e possono contribuire a steli e rizomi marci.

Il lino tollera il sole parziale ma funzionerà meglio in situazioni di pieno sole.

Il lino della Nuova Zelanda attira gli uccelli e non è attraente per i cervi. È facile da mantenere, tollera la siccità una volta stabilito e fa un buon controllo dell'erosione. La cura delle piante di lino della Nuova Zelanda è minima una volta che le piante sono mature, ma il lino può subire punte delle foglie danneggiate e sminuzzate in siti ventosi ed esposti.

Prendersi cura del lino della Nuova Zelanda

Le piante di lino ibride non sono durevoli come le due specie di base. Richiedono più acqua e un po 'di riparo dalla luce solare calda, che può bruciare le punte delle foglie.

Sono resistenti in modo affidabile fino a 20 gradi Fahrenheit (-6 ° C), ma tutte le specie possono essere semplicemente spostate all'interno in autunno per evitare danni. Usa un paio di pollici di pacciame organico intorno alla zona delle radici per conservare l'umidità, prevenire le erbacce e isolare i rizomi.

Occasionalmente, la potatura è necessaria dove si sono verificati danni dovuti al sole o al freddo. Taglia le foglie morte e danneggiate secondo necessità.

Il lino prospera in terreni poveri, quindi la fertilizzazione non è necessaria, ma le migliori medicazioni annuali di compost finemente decomposto possono aiutare ad aggiungere sostanze nutritive al terreno e aumentare la percolazione.

La cura delle piante di lino della Nuova Zelanda è più facile da gestire in contenitori nei climi settentrionali. Porta la pianta all'interno per l'inverno e reintroducila gradualmente all'aperto quando la temperatura ambiente è calda in primavera.

Immagine di pcturner71