Quali sono le cause della malattia del buco della pesca – suggerimenti per il trattamento della malattia del buco della pesca

Lo shot hole è una malattia che colpisce diversi alberi da frutto, comprese le pesche. Porta a lesioni sulle foglie ed eventuale caduta delle foglie, e talvolta può provocare antiestetiche lesioni sui frutti. Ma come si fa a trattare la malattia del buco della pesca? Continua a leggere per saperne di più su cosa causa il buco del colpo di pesca e su come prevenirlo e trattarlo.

Che cosa causa la malattia del buco del colpo di pesca?

Il buco del colpo di pesca, a volte chiamato anche batterio coryneum, è causato da un fungo chiamato Wilsonomyces carpophilus. I sintomi più comuni del fungo del buco del colpo di pesca sono lesioni su ramoscelli, gemme e foglie. Queste lesioni iniziano come piccole macchie viola scuro.

Nel tempo, queste macchie si diffondono e diventano marroni, di solito con un bordo viola. Alla fine, al centro di ogni lesione si formeranno protuberanze scure, che rilasciano spore che diffondono ulteriormente la malattia. I boccioli infetti diventano da marrone scuro a nero e lucenti di gomma.

Sulle foglie infette, il centro di queste lesioni spesso cadrà, creando l'aspetto "bucato" che fa guadagnare alla malattia il suo nome. In caso di pioggia, il fungo a volte si diffonde ai frutti, dove sviluppa macchie marrone scuro e viola sulla pelle e aree dure e sugherose nella carne sottostante.

Trattare il buco del colpo di pesca

Il fungo del buco della pesca sverna nelle vecchie lesioni e diffonde le sue spore con tempo umido, specialmente con spruzzi d'acqua. Il metodo più comune per trattare il buco della pesca è l'irrorazione di fungicida in autunno subito dopo la caduta delle foglie o in primavera appena prima del germogliamento.

Se si è saputo che il buco della pesca è stato un problema nelle passate stagioni, è una buona idea potare e distruggere il legno infetto. Cerca di mantenere gli alberi asciutti e non irrigare mai in modo da bagnare le foglie. Per i trattamenti organici, il solfato di zinco e gli spray al rame si sono dimostrati efficaci.

Lascia un commento