Trattare il virus nelle piante di cactus: scopri di più sul virus dell’opuntia di Sammons

L'opuntia, o fico d'india, è originaria del Messico ma è cresciuta in tutto il suo possibile habitat delle zone USDA da 9 a 11. Di solito cresce tra 6 e 20 piedi di altezza. Occasionalmente si verificano malattie da opuntia e una delle più comuni è il virus Opuntia di Sammons. Continua a leggere per saperne di più sul virus del cactus Opuntia di Sammons.

Trattamento del virus nelle piante di cactus

L'opuntia vulgaris, nota anche come Opuntia ficus-indica e più comunemente come fico d'india, è un cactus che produce frutti gustosi. I pad del cactus possono essere cucinati e mangiati, ma l'attrazione principale sono i frutti commestibili dall'arancio al rosso.

Ci sono alcune malattie comuni dell'Opuntia. Identificare un virus nelle piante di cactus è essenziale, poiché alcuni sono molto più un problema di altri. Il virus di Sammons, ad esempio, non è affatto un problema. Può far sembrare il tuo cactus un po 'strano, ma non influisce sulla salute della pianta e può, a seconda di chi chiedi, farlo sembrare un po' più interessante. Detto questo, è sempre meglio non diffondere la malattia se puoi evitarlo.

Cos'è il virus Opuntia di Sammons?

Allora qual è il virus di Sammons? Il virus Opuntia di Sammons può essere individuato in anelli giallo chiaro che appaiono sui cuscinetti del cactus, facendo guadagnare alla malattia il nome alternativo di virus ringspot. Spesso gli anelli sono concentrici.

Gli studi dimostrano che il virus non ha assolutamente effetti negativi sulla salute della pianta. Questo è positivo, perché non c'è modo di curare il virus di Sammons. L'opuntia è l'unico portatore noto del virus di Sammons.

Non sembra essere diffuso dagli insetti, ma viene trasportato attraverso la linfa della pianta. Il mezzo di diffusione più comune è la propagazione umana con talee infette. Per evitare che la malattia si diffonda, assicurati di propagare il tuo cactus solo con cuscinetti che non mostrano segni della malattia.

Lascia un commento