Cosa fanno i microbi: informazioni sulla vita microbica nel suolo

Gli agricoltori sanno da anni che i microbi sono fondamentali per la salute del suolo e delle piante. La ricerca attuale sta rivelando ancora più modi in cui i microbi benefici aiutano le piante coltivate. I microbi nel suolo e associati alle radici delle piante forniscono una moltitudine di benefici, dal miglioramento del contenuto di nutrienti delle nostre colture al potenziamento della loro resistenza contro le malattie. Alcuni microbi del suolo fanno anche bene anche a noi.

Cosa sono i microbi?

Un microbo è solitamente definito come qualsiasi cosa vivente che è troppo piccola per essere vista senza un microscopio. Secondo questa definizione, "microbo" include animali microscopici come i nematodi insieme a organismi unicellulari.

Con una definizione alternativa, "microbo" significa solo esseri viventi unicellulari; questo include membri microscopici di tutti e tre i domini della vita: batteri, archeobatteri (chiamati anche "archeobatteri") ed eucarioti ("protisti"). I funghi sono generalmente considerati microbi, anche se possono assumere forme unicellulari o multicellulari e produrre parti sia visibili che microscopiche sopra e sotto il suolo.

La vita microbica nel suolo include esseri viventi in ciascuno di questi gruppi. Un numero enorme di cellule batteriche e fungine vive nel suolo insieme a un numero minore di alghe, altri protisti e archaea. Questi organismi svolgono un ruolo importante nella rete alimentare e nel ciclo dei nutrienti all'interno del suolo. Il suolo come lo conosciamo non esisterebbe nemmeno senza di loro.

Cosa fanno i microbi?

I microbi nel suolo sono estremamente importanti per la crescita delle piante e per il funzionamento degli ecosistemi. Le micorrize sono associazioni simbiotiche tra le radici delle piante e specifici funghi del suolo. I funghi crescono in stretta associazione con le radici delle piante e, in alcuni casi, crescono anche parzialmente all'interno delle cellule stesse della pianta. La maggior parte delle piante coltivate e selvatiche si affida a queste associazioni micorriziche per ottenere sostanze nutritive e per difendersi dai microbi patogeni.

Piante di legumi come fagioli, piselli, trifoglio e robinia collaborano con i batteri del suolo chiamati rizobia per estrarre l'azoto dall'atmosfera. Questo processo rende l'azoto disponibile per uso vegetale e, eventualmente, per uso animale. Collaborazioni simili per la fissazione dell'azoto si formano tra altri gruppi di piante e batteri del suolo. L'azoto è un nutriente essenziale per le piante e all'interno delle piante diventa parte degli amminoacidi e quindi delle proteine. A livello globale, questa è una delle principali fonti di proteine ​​che mangiano gli esseri umani e altri animali.

Altri microbi del suolo aiutano ad abbattere la materia organica da piante e animali morti e incorporarla nel terreno, il che aumenta il contenuto organico del suolo, migliora la struttura del suolo e aiuta le piante a prosperare. I funghi e gli actinobatteri (batteri con abitudini di crescita simili ai funghi) iniziano questo processo abbattendo materiali più grandi e più resistenti, quindi altri batteri consumano e incorporano pezzi più piccoli. Se hai un cumulo di compost, hai visto questo processo in azione.

Naturalmente, ci sono anche microbi trasmessi dal suolo che causano malattie che colpiscono le piante da giardino. La rotazione delle colture e le pratiche che incoraggiano la crescita di microbi benefici possono aiutare a sopprimere la sopravvivenza di batteri, funghi e nematodi dannosi nel terreno.

Immagine di selvanegra

Lascia un commento