Cura del mandorlo: impara a coltivare un mandorlo

Coltivate già nel 4,000 a.C., le mandorle sono originarie dell'Asia centrale e sud-occidentale e furono introdotte in California nel 1840. Le mandorle (Prunus dolcis) sono apprezzate per l'uso in caramelle, prodotti da forno e confezioni e per l'olio lavorato dalla noce. Queste drupacee dei mandorli in crescita hanno anche fama di aiutare in una serie di mali fisici e sono usate nei rimedi popolari per tutto, dal trattamento del cancro ai calli alle ulcere. Per quanto popolari siano, che ne dici di coltivarli nel paesaggio domestico?

Come coltivare un mandorlo

Quando si coltivano mandorli, è utile sapere che gli alberi non tollerano il terreno eccessivamente umido e sono estremamente sensibili al gelo primaverile. Crescono in inverni miti e umidi ed estati calde e secche in pieno sole. Se la tua regione non rientra in questi parametri, è improbabile che un mandorlo produca frutti per te.

Inoltre, pochissime varietà di mandorle sono autofertili e quindi necessitano di impollinazione incrociata per la produzione di frutta, quindi dovrai piantare almeno due alberi. Se lo spazio è prezioso, puoi persino piantarne due nella stessa buca, in cui gli alberi cresceranno insieme e si intrecciano, consentendo ai fiori di attraversare l'impollinazione.

I mandorli hanno radici profonde e dovrebbero essere piantati in terriccio sabbioso profondo, fertile e ben drenante. I mandorli dovrebbero essere piantati da 19 a 26 piedi (6-8 m.) Di distanza e irrigati nonostante il fatto che gli alberi tollerino la siccità. Un'applicazione di azoto e fertilizzante organico aiuterà la crescita. Questi alberi hanno requisiti elevati di azoto (N) e fosforo (P).

Per piantare il mandorlo, scavare una buca più ampia che profonda e assicurarsi che le radici si adattino facilmente alla profondità del buco, quindi annaffiare profondamente. Potrebbe essere necessario picchettare l'albero se vivi in ​​una zona ventosa, ma rimuovi i paletti dopo circa un anno per consentire all'albero una crescita adeguata.

Cura dei mandorli

La cura del mandorlo varia a seconda della stagione. Nella stagione invernale o dormiente, i mandorli in crescita dovrebbero essere potati (dicembre / gennaio) per promuovere la crescita, consentire la luce e rimuovere eventuali arti o ventose morti o malati. Pulisci l'area dai detriti intorno all'albero per eliminare i vermi arancioni dell'ombelico che svernano e spruzza con olio dormiente per uccidere la piralide del ramoscello di pesca, la scala di San Jose e le uova di acari.

Durante la stagione della fioritura primaverile, la cura dei mandorli dovrebbe includere la fertilizzazione di alberi maturi con urea o letame, annaffiata o piccole dosi di azoto per alberi giovani. L'irrigazione a goccia dovrebbe essere iniziata ogni giorno per quelli appena piantati, con gli alberi che necessitano di almeno 2-3 pollici (5-8 cm) di acqua. Gli alberi stabilizzati possono ottenere da 2 a 3 pollici (5-8 cm) di annaffiature settimanali in assenza di pioggia e possono richiedere annaffiature aggiuntive durante i periodi di siccità. Inoltre, se l'albero è piantato in un terreno poco profondo o sabbioso, avrà bisogno di più acqua.

Durante l'estate, continuare ad irrigare e concimare alla stessa velocità dell'applicazione primaverile fino al raccolto.

Raccolta della frutta dell'albero di mandorle

La raccolta del frutto del mandorlo avviene dopo che gli scafi si sono spaccati e il guscio diventa secco e di colore marrone. Le mandorle hanno bisogno di 180-240 giorni affinché le noci maturino, in cui la noce (embrione e guscio) si è asciugata fino al minimo contenuto di umidità.

Per raccogliere le mandorle, scuotere l'albero, quindi separare i gusci dalla noce. Congela le mandorle per una o due settimane per uccidere i vermi residui e poi conservale in sacchetti di plastica.

Infine, quando ti prendi cura dei mandorli, spruzza gli alberi durante o dopo che le foglie cadono in autunno prima delle piogge invernali. Ciò ridurrà i danni causati dai funghi del foro di tiro in primavera.

Immagine di ChrisBoswell

Lascia un commento