Oidio nelle zucche: cosa fare per l’oidio sulle foglie di zucca

Hai un'oidio bianco sulle foglie di zucca? Sei in buona compagnia; Anch'io. Cosa causa le foglie di zucca bianche e come puoi sbarazzarti dell'oidio sulle tue zucche? Continua a leggere per saperne di più sul trattamento dell'oidio sulle piante di zucca.

Che cosa causa le foglie di zucca bianche?

Il motivo per cui abbiamo un'oidio sulle nostre foglie di zucca è perché è causato da una malattia che infetta le foglie che è molto comune. Il nome è, infatti, “oidio” e viene dato a un gruppo di malattie causate da funghi affini.

Ognuno ha un ospite diverso, ma tutti condividono lo stesso aspetto: un tappeto bianco-grigiastro e polveroso che può essere visto su foglie, steli e fiori. A differenza di altre malattie fungine, l'oidio prospera in condizioni di caldo e non richiede l'umidità per crescere.

Come sbarazzarsi di muffa polverosa sulle zucche

Mentre l'oidio sulle zucche sembra sgradevole, la buona notizia è che un caso lieve non è fatale. Detto questo, se non trattata, la malattia probabilmente si diffonderà. L'oidio appare prima come macchie bianche e polverose. Queste macchie si diffondono gradualmente e una zucca gravemente colpita può avere una resa ridotta, tempi di crescita più brevi e zucche con poco sapore. Prima di imparare a trattare l'oidio sulle zucche, è una buona idea imparare un po 'sul suo ciclo di vita.

In primavera, i funghi iniziano a produrre spore, che vengono poi disperse nell'aria. Quando contattano un ospite appropriato e le condizioni sono adatte, infettano la pianta. Le macchie bianche iniziali continuano ad espandersi e unirsi mentre l'infezione progredisce. Il fungo sverna sui detriti delle piante e poi quando il clima si riscalda oltre i 60 gradi F. (16 C.), il ciclo ricomincia da capo.

Sebbene l'oidio non richieda condizioni acquose per germogliare, l'umidità elevata è un fattore. L'elevata umidità favorisce la formazione di spore. Temperature tra 60-80 F. (15-26 C.), ombra e alta umidità sono condizioni premium per l'oidio.

Se l'oidio sulle zucche sembra essere minimo, rimuovi le foglie, le viti oi fiori infetti. A seconda di quando si è verificata l'infezione, questo può dare alla pianta abbastanza tempo per completare la produzione delle sue zucche. Se le condizioni sono ancora favorevoli per la crescita dell'oidio, probabilmente riapparirà di nuovo.

Le cucurbitacee, come le zucche, sono altamente suscettibili a questa malattia. Piantali in pieno sole, consenti una buona circolazione dell'aria ed evita l'eccesso di fertilizzante per cercare di contrastare la malattia. Usa un fertilizzante a lenta cessione. È probabile, tuttavia, che avranno bisogno di un'applicazione di fungicida.

I fungicidi rientrano nelle categorie di protettivi, eradicanti o entrambi. Ci sono due oli che funzionano meglio come eradicanti ma hanno anche alcune qualità protettive: olio di neem e olio di jojoba. Possono essere utilizzati anche altri marchi di olio orticolo. Non spruzzare entro 2 settimane da uno spray di zolfo o quando le temperature sono superiori a 90 gradi F. (32 C.).

Lo zolfo è stato usato per secoli per gestire l'oidio nelle zucche e in altre cucurbitacee, ma deve essere usato PRIMA che compaiano i sintomi della malattia. Non applicare lo zolfo quando è vicino o superiore a 90 gradi F. (32 C.) entro 2 settimane da uno spray d'olio.

Infine, puoi provare un fungicida biologico (Serenade), che contiene microrganismi benefici che distruggono i patogeni fungini. Non è tossico per le persone e gli animali domestici e uccide l'agente patogeno dell'oidio, ma non è efficace come l'olio o lo zolfo.

Immagine di Miyuki Satake

Lascia un commento