Orzo per la produzione della birra: come coltivare e raccogliere l’orzo maltato

Per anni, i microbirrifici in piccoli lotti hanno regnato sovrani, stuzzicando gli amanti della birra con il pensiero di creare la propria birra in piccoli lotti. Oggi sul mercato sono disponibili molti kit per la produzione di birra, ma perché non fare un ulteriore passo avanti coltivando il proprio orzo maltato. In realtà, il processo di produzione della birra inizia con la raccolta dell'orzo per la birra e poi con il maltaggio. Continua a leggere per scoprire come coltivare e raccogliere l'orzo da birra maltato.

Orzo maltato crescente per birra

L'orzo da birra è disponibile in due varietà, a due file e a sei file, che si riferiscono al numero di file di grano sulla testa dell'orzo. L'orzo a sei file è molto più piccolo, meno amidaceo e più enzimatico di quello a due file e viene utilizzato per produrre molte birre in stile americano. L'orzo a due file è più carnoso e più amato e viene utilizzato per le birre all-malt.

In passato, quella a sei file veniva coltivata più comunemente sulla costa orientale e nel Midwest, mentre quella a due file veniva coltivata nel Pacifico nord-occidentale più mite e nelle Grandi Pianure. Oggi sono sempre di più gli orni a due file coltivati ​​in tutto il Paese in virtù dell'introduzione di nuove cultivar.

Se sei interessato alla coltivazione dell'orzo maltato, inizia parlando con l'estensione della tua cooperativa locale per informazioni sui tipi di orzo più adatti alla tua regione. Inoltre, molte aziende sementiere locali più piccole disporranno non solo di informazioni ma anche di sementi adattate all'area.

Come coltivare l'orzo da birra

Coltivare e raccogliere l'orzo maltato per la birra è piuttosto semplice. Il primo passo, dopo aver selezionato i tuoi semi ovviamente, è preparare il letto. L'orzo ama un bel letto di semina costituito da terreno argilloso con un pH basso in pieno sole. Va bene in terreni poveri ma ha bisogno di fosforo e potassio, quindi se necessario, modifica il terreno con fosfato di roccia e sabbia verde. Fai un test del suolo per analizzare adeguatamente i componenti del tuo terreno in anticipo.

Non appena il terreno è lavorabile in primavera, scavare il terreno e preparare il terreno. La quantità di seme da seminare dipende dalla varietà, ma una regola pratica è una libbra (meno di ½ chilo) di seme per ogni 500 piedi quadrati (46 metri quadrati).

Il modo più semplice per seminare i semi è spargerli (trasmetterli). Cerca di spargere il seme nel modo più uniforme possibile. Questo può essere fatto a mano o con una seminatrice broadcast. Una volta che il seme è stato sparso, rastrellalo leggermente nel terreno in modo che gli uccelli abbiano meno possibilità di trovarlo.

La maggior parte degli orni a sei file è abbastanza tollerante alla siccità, ma lo stesso non si può dire per le due file. Mantieni umido l'orzo a due file. Mantieni l'area intorno al raccolto il più libera possibile dalle erbacce. Le erbacce ospitano parassiti e malattie che possono influenzare il raccolto.

Come raccogliere l'orzo maltato

L'orzo è pronto per la raccolta a circa 90 giorni dalla semina. In questo frangente, la paglia sarà dorata e secca e un nocciolo sbucciato sarà difficile da ammaccare con un'unghia.

Usa una falce leggera o anche cesoie da giardino per raccogliere il grano. Man mano che si taglia il chicco, adagiarlo in fasci con le teste rivolte nello stesso modo e legarle in guaine. Raccogli 8-10 di questi fasci legati insieme e mettili ad asciugare, con la maggior parte in piedi e alcuni posti sulla parte superiore. Lasciarli asciugare al sole per una o due settimane.

Una volta che il grano è asciutto, è il momento di trebbiarlo, il che significa semplicemente separare il grano dalla paglia. Esistono diversi metodi per la trebbiatura. Tradizionalmente, veniva usato un flagello, ma alcune persone usano un manico di scopa, una mazza da baseball di plastica o anche un bidone della spazzatura come trebbiatrice. Qualunque sia la tua scelta di trebbiare, l'obiettivo è quello di separare il grano da sarmenti, bucce e paglia.

Ora è il momento del malto. Ciò comporta la pulizia e la ponderazione del grano, quindi immergerlo durante la notte. Scolare il grano e tenerlo coperto con un panno umido mentre germina in una stanza buia con una temperatura intorno ai 50 F. (10 C.). Mescola un paio di volte al giorno.

Entro il secondo o il terzo giorno, si formeranno radichette bianche sull'estremità smussata del chicco e si potrà vedere l'acrospire, o germoglio, crescere sotto la pelle del chicco. Quando l'acrospire è lungo quanto il grano, è completamente modificato ed è tempo di fermare la sua crescita. Trasferisci il grano in una ciotola capiente e tienilo coperto per qualche giorno; questo limita l'ossigeno all'acrospire e ne arresta la crescita. Gira i chicchi una volta al giorno.

Quando i chicchi smettono di crescere, è ora di cuocerli. Piccole quantità di grano possono essere essiccate, essiccate nel forno con l'impostazione più bassa, in un essiccatore per alimenti o in un'ostia. Qualche chilo di grano si asciugherà completamente nel forno in 12-14 ore circa. Il malto è secco quando ha lo stesso peso di prima di metterlo in infusione.

Questo è tutto. Ora sei pronto per utilizzare l'orzo maltato e creare una miscela magistrale sicura di stupire i tuoi amici non solo perché hai fatto la birra da solo, ma anche perché hai coltivato e maltato l'orzo.

Immagine di Sergente maggiore

Lascia un commento