Piante da laghetto che svernano – cosa fare con le piante da laghetto in inverno

Molti giardinieri domestici includono una fontana, come un laghetto, per aggiungere interesse al paesaggio e creare un'oasi rilassante per ritirarsi dal caos della vita quotidiana. I giardini acquatici richiedono una manutenzione tutto l'anno, anche in inverno, e se non sei abbastanza fortunato da avere un giardiniere professionista, questo compito ricadrà su di te. Una grande domanda è come rendere invernali le piante da laghetto?

Come winterizzare le piante dello stagno

La domanda su cosa fare con le piante da laghetto in inverno dipende dalla pianta. Alcune piante non tollerano le temperature invernali e devono essere rimosse dallo stagno. Per gli esemplari resistenti al freddo, le piante da stagno che svernano possono semplicemente significare immersione nello stagno.

Prima di svernare le piante acquatiche, è una buona idea gestire il giardino acquatico stesso. Rimuovi le foglie morte e le piante morenti. Ispezionare le pompe e cambiare i filtri secondo necessità. Smetti di concimare le piante acquatiche quando la temperatura dell'acqua durante il giorno scende al di sotto di 60 gradi F. (15 C.) per dare loro il tempo di diventare dormienti.

Ora è il momento di classificare le piante acquatiche per determinare una linea di condotta per la cura delle piante da laghetto durante l'inverno.

Piante resistenti al freddo

Le piante che tollerano il freddo possono essere lasciate nello stagno fino a quando la parte superiore non è danneggiata dal gelo, a quel punto pota tutto il fogliame in modo che sia al livello della parte superiore del vaso. Quindi abbassa la pentola sul fondo dello stagno dove la temperatura rimane di qualche grado più calda per tutto l'inverno. Il loto e le ninfee rustiche sono un esempio di piante acquatiche che possono essere trattate in questo modo.

Piante non resistenti

Le piante che non sono resistenti a volte vengono trattate come faresti con le annuali. Cioè, rimandato al cumulo di compost e sostituito la primavera successiva. Il giacinto d'acqua e la lattuga d'acqua, che sono poco costosi e facili da sostituire, ne sono un esempio.

Le piante da laghetto che svernano, come gli acquatici simili a gigli, devono essere sommerse, ma abbastanza calde. Una buona idea è immergerli in una grande vasca di plastica nella serra, nella zona calda della casa o utilizzare un riscaldatore dell'acquario. Esempi di questi sono il cuore galleggiante, il mosaico, i papaveri e il biancospino acquatico.

L'inverno di altre piante acquatiche non resistenti può essere ottenuto trattandole come piante d'appartamento. Alcuni esempi di questo sono la bandiera dolce, il taro, il papiro e le palme da ombrello. Tienili in un piattino pieno d'acqua e posizionali in una finestra soleggiata o usa una luce da coltivazione su un timer impostato per 12-14 ore al giorno.

Prendersi cura di piante da laghetto delicate, come i gigli tropicali, durante l'inverno è un po 'più difficile. Queste bellezze sono resistenti solo alla zona USDA 8 e superiori e come una temperatura dell'acqua di 70 gradi F. (21 C.) o superiore. Asciugare all'aria il tubero del giglio e rimuovere le radici e il gambo. Conserva il tubero in un barattolo di acqua distillata in una zona fresca e buia (55 gradi F / 12 gradi C). In primavera metti il ​​contenitore in un luogo caldo e soleggiato e osserva la germinazione. Una volta che il tubero germoglia, mettilo in una pentola di sabbia e affondalo in un contenitore d'acqua. Quando le foglie sono cresciute e le radici bianche dell'alimentatore sono visibili, ripiantare nel suo contenitore normale. Rimetti i gigli nello stagno quando la temperatura dell'acqua è di 70 gradi F.

Per uno stagno a bassa manutenzione, utilizzare solo esemplari resistenti e assicurarsi di installare uno stagno sufficientemente profondo per lo svernamento e / o installare uno scaldabagno. Potrebbe volerci un po 'di lavoro, ma ne vale la pena, e in pochissimo tempo tornerà la primavera così come il tuo santuario del giardino acquatico.

Immagine di Pencefn

Lascia un commento