Piante di finocchio coltivate in contenitore – suggerimenti per la coltivazione di finocchio a bulbo in vaso

Il finocchio è un'erba popolare che viene solitamente coltivata per il suo caratteristico sapore di anice come ingrediente culinario. Il finocchio a bulbo, in particolare, viene coltivato per i suoi grandi bulbi bianchi che si abbinano particolarmente bene al pesce. Ma puoi coltivare il finocchio in vaso? Continua a leggere per saperne di più sulle piante di finocchio in vaso e su come piantare il finocchio in contenitori.

Come piantare il finocchio nei contenitori

Puoi coltivare il finocchio in vaso? Sì, a patto che i vasi siano abbastanza grandi. Per prima cosa, il finocchio produce un lungo fittone che necessita di molta profondità. Per un'altra cosa, coltivi bulbi di finocchio più teneri "raccogliendo". Ciò significa che man mano che i bulbi diventano più grandi, accumuli più terreno intorno a loro per proteggerli dal sole.

Se stai coltivando il finocchio a bulbo in vaso, significa che devi lasciare diversi centimetri di spazio tra il terreno e il bordo del contenitore quando semini. Un buon modo per ottenerlo è piantare il finocchio coltivato in contenitore in una borsa da coltivazione alta con la parte superiore arrotolata.

Man mano che la pianta cresce, srotola la parte superiore per fare spazio al terriccio extra. Se il tuo vaso semplicemente non è abbastanza profondo, puoi falsificare il processo di messa a terra circondando il bulbo con un cono di cartone o un foglio di alluminio.

Il finocchio è una pianta mediterranea che ama il clima caldo. Odia anche che le sue radici vengano disturbate, quindi cresce meglio se seminato direttamente nel terreno dopo che tutte le possibilità di gelo o fresche temperature notturne sono passate.

Il finocchio coltivato in contenitore deve essere mantenuto umido in ogni momento senza essere impregnato d'acqua, quindi piantalo in un terreno ben drenante e annaffia frequentemente.

Raccogli il bulbo prima che si chiuda per ottenere il miglior sapore.

Immagine di Colleen e Sat Garcia

Lascia un commento