Prendersi cura delle piante di basilico santo: come coltivare il basilico santo in giardino

Originario del sud e del sud-est asiatico, il basilico santo è un'erba con un importante significato culturale e religioso. In altre parti del mondo, questa erba è più familiare come sapore comune nel cibo tailandese, ma è una pianta sacra per gli indù. Puoi goderti questa erba profumata, gustosa e medicinale direttamente nel tuo giardino.

Qual è il Santo Basilio?

Il basilico santo (Ocimum tenuiflorum), è strettamente correlato al basilico dolce utilizzato nelle cucine di tutto il mondo. È una pianta perenne erbacea di breve durata, legnosa che cresce meglio nei climi tropicali e subtropicali. Cresce bene anche in contenitori per giardini e case nelle regioni più fredde.

In India, il basilico sacro viene tradizionalmente coltivato in contenitori dentro e intorno ai templi allo scopo di purificare i visitatori. Le piante di basilico sacro sono importanti anche nella medicina ayurvedica e sono state utilizzate per migliaia di anni.

Usi del basilico santo

Oltre ai suoi usi e significato religiosi, il basilico santo è usato in cucina e in medicina. È più spesso usato come erba culinaria nei paesi del sud-est asiatico, in particolare in Thailandia. Puoi usarlo in qualsiasi modo utilizzeresti il ​​basilico dolce: in salse, insalate, patatine fritte, piatti di pollo, pasta e altro ancora. Il sapore del basilico santo è più piccante di quello del basilico dolce.

Anche le erbe del basilico sacro sono state a lungo utilizzate in medicina. Ci sono alcune prove che sia efficace nel trattare e alleviare alcuni sintomi. Il basilico santo è usato per la nausea e altri disturbi di stomaco, per ridurre l'infiammazione, per favorire il rilassamento e alleviare lo stress e per alleviare mal di testa, mal di denti, dolori alle orecchie, dolori articolari, sintomi di raffreddore e influenza e febbre.

Come coltivare il basilico santo

Puoi coltivare il basilico santo come faresti con le altre erbe, ma ha bisogno di temperature calde. Coltivalo all'aperto in estate, tutto l'anno se ti trovi in ​​un clima tropicale o subtropicale, oppure tienilo in contenitori che puoi spostare all'interno in inverno.

Usa un terreno leggero e ben drenante che sia arricchito con materiale organico, anche se il basilico santo tollera abbastanza bene il terreno povero. La tua pianta tollererà anche un po 'di ombra, quindi il pieno sole non è necessario.

Tienilo innaffiato ma non inzuppato e raccogli le foglie secondo necessità, proprio come faresti con una normale pianta di basilico dolce.

Immagine di Kwangmoozaa

Lascia un commento