Usi del basilico genovese – come coltivare piante di basilico genovese nel giardino delle erbe

Il basilico dolce (Ocimum basilicum) è un'erba preferita per contenitori o giardini. Come erba medicinale, il basilico dolce è usato per trattare problemi di digestione e fegato, per disintossicare il corpo, come antinfiammatorio e antidepressivo naturale, per curare mal di testa ed emicrania, e anche per la cura delle ferite e per trattare le condizioni della pelle. Il basilico dolce è un ingrediente di molti prodotti di bellezza naturali. Viene coltivato anche per i suoi molteplici usi culinari.

Fresche o essiccate, le foglie di basilico sono un ingrediente essenziale in molti piatti italiani, greci e asiatici. Se ami preparare il pesto fresco dell'orto o l'insalata caprese, potresti coltivare un tipo di basilico dolce noto come basilico genovese.

Cos'è il basilico genovese?

Il basilico genovese è una varietà di basilico dolce originaria dell'Italia. Le sue foglie grandi e vigorose hanno un sapore dolce e leggermente piccante. Il basilico genovese produce foglie verde brillante, leggermente increspate che possono crescere fino a 3 pollici (7.6 cm) di lunghezza. Sono ottimi per pesto, insalata caprise e altri piatti che richiedono foglie di basilico grandi e fresche. In effetti, gli usi del basilico genovese sono più o meno gli stessi di qualsiasi altra pianta di basilico dolce.

Le piante di basilico genovese possono crescere da 2 a 3 piedi (.61-.91 m.) Di altezza. Le piante cresceranno in una forma piena e cespugliosa se le punte vengono pizzicate regolarmente e la pianta non può fiorire. Una volta che le piante di basilico producono fiori, tutta l'energia della pianta viene diretta alla produzione di fiori e semi e le parti vegetative della pianta smetteranno di crescere.

Se le piante di basilico genovese fioriscono, i fiori possono essere raccolti e utilizzati in ricette che richiedono basilico. Tuttavia, si dice che i fiori di basilico abbiano un sapore e un profumo di basilico molto più concentrato, quindi dovrebbero essere usati con parsimonia.

Come coltivare piante di basilico genovese

Il basilico genovese è una varietà preferita di basilico dolce, non solo per le sue foglie grandi e dolci, ma è anche lento a scaldarsi a temperature estreme e non diventa amaro con l'età. Come altre varietà di basilico, le piante di basilico genovese preferiscono un sito con terreno ricco e fertile e almeno sei ore di luce solare ogni giorno. È meglio creare un letto ricco di sostanze nutritive per le piante di basilico piuttosto che piantarle in un terreno povero e fare affidamento sui fertilizzanti per nutrirle. I fertilizzanti possono influenzare negativamente il sapore, il profumo e la potenza delle piante di basilico.

I requisiti di coltivazione del basilico genovese sono gli stessi di qualsiasi pianta di basilico. I semi dovrebbero essere seminati in casa da quattro a sei settimane prima dell'ultima data prevista per il gelo nella tua zona. Le piante di basilico genovese dovrebbero germogliare in circa 5-10 giorni, ma le piante non dovrebbero essere poste all'aperto fino a quando le temperature diurne non rimangono costantemente nell'intervallo 70 F. (21 C.).

Le piante di basilico genovese sono ottime anche per l'uso in contenitori. In tempi antichi, il basilico veniva piantato in fioriere o vasi sul davanzale per tenere lontane le mosche.

Immagine di sjallenphotography

Lascia un commento