Raccolta di piante da selvaggina – informazioni sulle cose da fare e da non fare per la raccolta selvaggia

Dopo una bella passeggiata nella natura è allettante voler portare a casa un po 'della sua bellezza. Forse hai notato un fiore insolito o un piccolo albero che sarebbe stato favoloso nel tuo paesaggio. La raccolta selvaggia è disapprovata dal servizio forestale, dagli esperti di piante e da molti altri. Ma perché le piante da raccolta selvatiche vengono viste in cattiva luce? Queste non sono solo piante libere ma fanno parte di ecosistemi complessi. Possono anche rappresentare un pericolo reale per il tuo paesaggio e altre piante e animali sotto la tua cura. Quello che segue è una ripartizione di ciò che è raccolta selvatica e cosa può e non può essere raccolto.

C'è un'enorme varietà di flora unica nei nostri parchi, foreste e acque. I giardinieri il cui paesaggio imita il paesaggio naturale possono trovarsi allettati dalle piante negli spazi pubblici, ma nella maggior parte degli stati la raccolta di piante da fonti selvatiche è illegale. Ci sono anche altri motivi per non rimuovere le piante dal loro stato naturale.

Cos'è il Wild Harvesting?

Potresti pensare che la raccolta selvaggia sia semplicemente raccogliere more nella foresta o cacciare funghi. C'è del vero in questo, ma si riferisce anche alla raccolta di piante selvatiche e al portarle a casa per uso personale. Le piante da raccolta selvatiche possono distruggere gli ecosistemi fragili e, in alcuni casi, l'habitat di un animale.

Inoltre, molte piante in natura hanno malattie o sono dotate di specie invasive o fastidiose. Questo è particolarmente comune con le piante acquatiche, che possono portare nel tuo stagno erbacce come il achillea o Elodia. Questi possono invadere il tuo sistema, soffocare altre piante e intasare i filtri. Le specie introdotte con la malattia potrebbero uccidere i tuoi pesci o altre forme di vita domestica. Questo è uno dei pericoli più evidenti della raccolta selvaggia.

La raccolta delle piante da fonti selvatiche non è mai una buona idea e potrebbe persino essere contro la legge.

Wild Harvest: cose da fare e da non fare

Finché non raccogli piante autoctone, il foraggiamento selvatico è divertente e un ottimo modo per trascorrere la giornata nella natura. Prima di andare a raccogliere, verifica con il servizio forestale locale e ottieni i permessi necessari. Devi anche assicurarti che le piante siano di stagione. I ranger di solito possono darti una guida o una mappa per individuare i luoghi noti del cibo o dell'erba desiderati.

Non raccogliere mai cose come erbe o funghi se non sei a conoscenza di queste piante. Uno dei pericoli degli edibili della raccolta selvatica è che potresti scambiare un alimento per un altro come nel caso dei funghi velenosi. Molti raccoglitori sono finiti in ospedale, o peggio, per aver ingerito il cibo sbagliato.

Ci sono alcune cose da fare e da non fare per il raccolto selvatico di base da ricordare quando si raccolgono edibili:

  • In primo luogo, non prendere mai bacche bianche o verdi ed evitare qualsiasi pianta con una linfa lattiginosa. Le bacche viola e nere di solito vanno bene, ma non mangiare mai una bacca a meno che tu non sappia di cosa si tratta. Guarda cosa mangiano gli animali per valutare se è commestibile.
  • Tutto ciò che assomiglia a prezzemolo o carote è probabilmente pericoloso da mangiare.
  • Puoi sempre fare affidamento sull'adagio, "foglie di tre, lascia che siano".
  • Non prendere mai tutto il cibo, poiché è necessario per gli animali selvatici e rimuoverlo impedirà la produzione di semi per le colture future.

Se hai dei dubbi sul livello di sicurezza di una pianta, lasciala stare e non correre rischi. Segui queste linee guida di base e fai un viaggio di raccolta divertente e produttivo.

Immagine di lzf

Lascia un commento