Requisiti per la coltivazione di Akane: come coltivare le mele Akane nel paesaggio

Akane è una varietà di mela giapponese molto attraente, apprezzata per la sua resistenza alle malattie, il sapore croccante e la maturazione precoce. È anche abbastanza resistente al freddo e attraente. Se stai cercando una cultivar che possa resistere alle malattie e prolungare il tuo periodo di raccolta, questa è la mela che fa per te. Continua a leggere per saperne di più sulla cura delle mele Akane e sui requisiti di coltivazione di Akane.

Cosa sono le mele Akane?

Le mele Akane provengono dal Giappone, dove sono state sviluppate dalla Morika Experimental Station nella prima metà del 20 ° secolo, come un incrocio tra Jonathan e Worcester Pearmain. Sono stati introdotti negli Stati Uniti nel 1937.

L'altezza degli alberi Akane tende a variare, sebbene siano spesso coltivati ​​su portinnesti nani che raggiungono un'altezza da 8 a 16 piedi (da 2.4 a 4.9 m) alla maturità. I loro frutti sono per lo più rossi con rugginosità da verde a marrone. Sono di medie dimensioni e di bella forma da rotonda a conica. La polpa all'interno è bianca e molto croccante e fresca con una buona dose di dolcezza.

Le mele sono le migliori per mangiare fresco piuttosto che cucinare. Non si conservano particolarmente bene e la carne può iniziare a diventare molliccia se il clima diventa troppo caldo.

Come coltivare le mele Akane

Coltivare mele Akane è piuttosto gratificante, come le varietà di mele. Gli alberi sono moderatamente resistenti a diverse comuni malattie delle mele, tra cui l'oidio, la ruggine del fuoco e la ruggine del melo di cedro. Sono anche abbastanza resistenti alla crosta di mele.

Gli alberi si comportano bene in una varietà di climi. Sono resistenti al freddo fino a -30 F. (-34 C.), ma crescono bene anche nelle zone calde.

I meli Akane danno rapidamente frutti, di solito producono entro tre anni. Sono anche apprezzati per la loro precoce maturazione e raccolta, che di solito avviene a fine estate.

Immagine di Daniel Villafruela

Lascia un commento