Albicocche con gommosi: consigli per il trattamento della gommosi delle albicocche

Niente batte il gusto della frutta appena raccolta. In tutto il mondo, gli alberi da frutta a nocciolo sono alcune delle aggiunte più popolari ai frutteti domestici e alle piantagioni di piccoli alberi da frutto. Questi deliziosi raccolti di frutta, che includono albicocche, pesche e nettarine, vengono coltivati ​​per il consumo fresco, l'inscatolamento e persino la disidratazione. Un aspetto chiave per la produzione di un raccolto abbondante è la corretta cura degli alberi e, naturalmente, il mantenimento di condizioni sane nel frutteto. In questo modo, i coltivatori sono in grado di evitare meglio le complicazioni di vari problemi fungini, come la gommosi delle albicocche. Continuate a leggere per saperne di più.

Gommosi fungina albicocca

I problemi fungini sono tra i problemi più comuni che i coltivatori di frutteti domestici possono incontrare. Un fungo, Botryosphaeria dothidea, è responsabile di una condizione nota come gommosi fungina albicocca. Sebbene il nome possa implicare la sua presenza esclusivamente negli alberi di albicocca, anche altri alberi (come i peschi) potrebbero essere interessati. La gommosi delle albicocche è il risultato di precedenti danni o lesioni agli alberi all'interno del frutteto. La causa della lesione può variare notevolmente o derivare da una combinazione di eventi.

Alcune cause naturali di danno includono arti rotti da forti tempeste, danni da grandine, venti forti o persino lesioni causate da insetti o trivellatori. Sebbene non comuni nel frutteto domestico, le operazioni su larga scala possono inavvertitamente causare danni durante il processo di raccolta o da vari macchinari agricoli. Il fungo entra nell'albero attraverso queste lesioni.

Sintomi di albicocche con gommosi

Tra i primi segni di gommosi fungina albicocca c'è la presenza di lesioni “vesciche” su rami e porzioni sul tronco dell'albero. I coltivatori potrebbero notare, nel tempo, che i tessuti all'interno di queste aree inizieranno a morire.

In molti casi inizia a prodursi un residuo simile alla gomma. Man mano che il danno aumenta, i cancri iniziano a formarsi sull'albero. Le spore fungine continuano a crescere e riprodursi. Quindi si diffondono durante i periodi di tempo umido e umido.

Controllo della gommosi all'albicocca

Sebbene i danni causati dalla gommosi all'albicocca possano essere ridotti mediante l'uso di fungicidi, questa pratica in genere non è raccomandata, in quanto non è conveniente. La linea d'azione suggerita più comunemente è di garantire che gli alberi da frutto non si stressino in primo luogo.

Il mantenimento di un corretto regime di fertilizzazione e irrigazione sono due passaggi importanti in questo processo. Mentre la malattia progredirà ancora nelle piante che sono state ben curate, gli alberi saranno meno suscettibili ad altri possibili agenti patogeni o insetti che potrebbero attaccare le piante indebolite.

Come per molte malattie fungine, una delle migliori strategie è la prevenzione. Anche se potrebbe non essere sempre possibile prevenire completamente la gommosi fungina all'albicocca, ci sono alcuni modi in cui i coltivatori possono scoraggiarne la diffusione.

L'uso di tecniche di potatura adeguate è essenziale. I coltivatori non dovrebbero mai potare gli alberi quando le piante sono bagnate. Subito dopo la potatura degli alberi infetti, tutti gli strumenti utilizzati devono essere disinfettati prima di utilizzarli altrove nel frutteto. Inoltre, i rami tagliati e i detriti vegetali devono essere rimossi immediatamente.

Lascia un commento