Come innaffiare una pianta d’appartamento: impara le basi per annaffiare una pianta d’appartamento

Anche il genitore di piante più irriducibile può avere problemi a conoscere il fabbisogno idrico delle singole piante d'appartamento. Se hai una varietà di piante provenienti da diverse regioni del mondo, ognuna richiederà una diversa quantità di umidità, ed è qui che entra in gioco la parte difficile. Se ti ritrovi a chiederti "quanta acqua dovrei dare alla mia pianta", i seguenti suggerimenti possono aiutarti a non affogare le tue piante, né a seccarle fino alla morte.

Quanta acqua dovrei dare alla mia pianta?

Portare la vegetazione all'interno rinfresca l'aria, ravviva uno spazio e crea una vista riposante per gli occhi. Le piante d'appartamento sono il modo migliore per ottenere tutto questo e fornire diversità nel tuo arredamento. L'irrigazione di una pianta d'appartamento è probabilmente la cura più cruciale di cui la pianta ha bisogno, ma molte piante sono pignole riguardo ai loro requisiti di umidità e possono essere difficili da valutare.

L'irrigazione della pianta d'appartamento non deve essere un gioco d'ipotesi se conosci alcuni trucchi.

Tutte le piante hanno bisogno di acqua per sopravvivere, anche se alcune prendono l'umidità dall'aria e non necessitano di annaffiature dirette. Anche un cactus ha bisogno di acqua, ma troppa può causare marciume radicale e troppo poco lo vedrà avvizzire. In effetti, l'irrigazione eccessiva è la causa più comune di morte nelle piante d'appartamento. Se le radici di una pianta sono circondate dall'acqua, non possono assorbire l'ossigeno.

La prima cosa necessaria per fornire un'umidità adeguata è un terreno ben drenante. Le piante portacontainer hanno bisogno di fori di drenaggio e, in alcuni casi, la miscela di invasatura necessita di un po 'di sabbia mescolata per aumentare la porosità. Le orchidee ottengono un po 'di corteccia nella loro miscela, mentre le piante grasse come un po' di sabbia o piccoli ciottoli. Una volta risolto il problema del drenaggio, annaffiare una pianta d'appartamento è molto più semplice.

Come innaffiare una pianta d'appartamento

Il fabbisogno idrico delle piante d'appartamento varia a seconda della specie, ma anche il metodo utilizzato è diverso. Alcune piante, come la viola africana, non dovrebbero avere l'acqua che tocca le foglie. Pertanto, l'utilizzo di uno speciale annaffiatoio con un ugello lungo o l'irrigazione dalla base sono i metodi preferiti. Le foglie delle piante possono individuare o sviluppare malattie fungine se rimangono bagnate troppo a lungo in condizioni calde e umide.

A molte piante sembra che l'acqua salga dalle radici. Per ottenere questa annaffiatura di fondo, puoi mettere il contenitore in un piattino e versarvi dell'acqua per assorbire lentamente. È comunque una buona idea innaffiare di tanto in tanto dall'alto fino a quando l'eccesso non fuoriesce dai fori di drenaggio, che elimina i sali dal terreno.

Ulteriori suggerimenti sull'irrigazione di piante d'appartamento

La maggior parte degli esperti concorda: non irrigare secondo un programma prestabilito. Questo perché fattori come le giornate nuvolose, il caldo o il raffreddamento, le correnti d'aria e altre situazioni influenzeranno l'umidità del suolo.

Il consiglio migliore è usare le mani e sentire il terreno. Se è asciutto quando inserisci un dito, è ora di annaffiare. Innaffia profondamente ogni volta per lisciviare i sali e portare l'acqua alle radici. Se c'è un piattino, svuota l'acqua in eccesso dopo mezz'ora.

Usa acqua a temperatura ambiente per evitare di scioccare la pianta. Molte piante entrano in un periodo dormiente in inverno dove non crescono attivamente e dovrebbero avere l'irrigazione dimezzata. In caso di dubbio, tieni le piante un po 'asciutte e usa un misuratore di umidità per misurare con precisione le esigenze di ciascuna pianta.

Immagine di aerogondo

Lascia un commento