Informazioni sull’erba di cumino: a cosa serve il cumino

Il cumino è originario del Mediterraneo orientale fino all'India orientale. Il cumino (C Aluminum cyminum) è una pianta da fiore annuale della famiglia delle Apiaceae, o famiglia del prezzemolo, i cui semi sono utilizzati nelle cucine del Messico, dell'Asia, del Mediterraneo e del Medio Oriente. Oltre ai suoi usi culinari, per cos'altro viene utilizzato il cumino e come si coltiva il cumino?

Informazioni sull'erba di cumino

I semi di cumino sono solitamente di colore bruno-giallastro, di forma oblunga, simile a un seme di cumino. Sono stati usati fin dai tempi dell'antico Egitto. Il cumino è menzionato nella Bibbia e gli antichi greci usavano la spezia come condimento da tavola proprio come noi usiamo una saliera. I coloni spagnoli e portoghesi lo portarono nel Nuovo Mondo. Durante il medioevo, il cumino presumibilmente impediva ai polli e agli amanti di vagare. Le spose di quel tempo portavano anche semi di cumino durante le loro cerimonie nuziali come simbolo della loro fedeltà.

Esistono diverse varietà di cumino con il più comune cumino nero e verde utilizzato nella cucina persiana. La coltivazione del cumino avviene non solo per scopi culinari, ma viene anche coltivata per l'uso nei semi di uccelli. Di conseguenza, le piante di cumino spuntano in aree del mondo non conosciute per la pianta.

A cosa serve il cumino?

Il cumino macinato è una spezia essenziale nel curry in polvere e si trova negli alimenti indiani, vietnamiti e thailandesi. Molte ricette latine richiedono l'uso del cumino; e negli Stati Uniti, molte ricette di peperoncino includono il cumino. In India, il cumino è un ingrediente tradizionale non solo nel curry, ma anche in kormas, masala, zuppe e altre ricette. Il cumino può anche essere trovato in alcuni formaggi, come il formaggio di Leida, così come in alcuni pani francesi.

Il curry in polvere non è l'unica miscela in cui si trova il cumino: achiote, peperoncino in polvere, adobos, sofrito, garam masala e bahaarat devono tutti i loro distinti sapori etnici in parte al cumino. Il seme di cumino può essere utilizzato intero o macinato e si presta anche ad alcuni dolci e sottaceti. Un mix di cumino, aglio, sale e peperoncino in polvere su pannocchie grigliate è delizioso.

In alcune regioni del mondo, si pensa che il cumino aiuti la digestione. Le pratiche medicinali ayuryedic incorporano l'uso di semi di cumino essiccati. Spesso trasformato con ghee (burro chiarificato), il cumino può essere applicato esternamente o ingerito per favorire l'appetito, la digestione, la vista, la forza, la febbre, la diarrea, il vomito, l'edema e anche per le madri che allattano per facilitare l'allattamento.

Come coltivi il cumino?

Quindi come si fa a coltivare il cumino e che dire della cura delle piante di cumino? La cura delle piante di cumino richiede una lunga e calda estate di circa tre o quattro mesi con una temperatura di circa 85 gradi F. (29 C.) durante il giorno.

Il cumino viene seminato in primavera dal seme in file a 2 piedi di distanza in un terreno fertile e ben drenante o, nei climi più freddi, inizia a seminare in casa quattro settimane prima dell'ultimo gelo primaverile. Semina superficialmente, circa ¼ di pollice sotto la superficie del suolo. Mantieni i semi umidi durante la germinazione. Trapiantare all'aperto quando le temperature superano abitualmente i 60 gradi F. (16 C.) o superiori.

I semi di cumino vengono raccolti a mano dopo la fioritura dei piccoli fiori bianchi o rosa. I semi vengono raccolti quando diventano marroni - circa 120 giorni - e vengono quindi essiccati e macinati. L'aroma forte e il sapore distinto del cumino è dovuto ai suoi oli essenziali. Come tutte le erbe, è al suo apice al mattino e dovrebbe essere raccolto in quel momento.

Immagine di Herbolario Allium

Lascia un commento