Innaffiare i bulbi dopo la fioritura: dovresti innaffiare i bulbi dormienti

Le esposizioni primaverili di bulbi sono uno dei primi segni della stagione di crescita e un piacere da vedere. Una volta che i petali sono caduti tutti dalle piante, dovresti innaffiare i bulbi dormienti? I bulbi dovrebbero rimanere nel terreno finché c'è fogliame in modo che la pianta possa raccogliere energia solare per la crescita della prossima stagione. La cura estiva dei bulbi primaverili significa conservare il fogliame il più a lungo possibile. Quanta manutenzione devi fare? Continua a leggere per la risposta.

Dovresti annaffiare i bulbi dormienti?

Molti giardinieri trascurano le piante a bulbo esaurite o addirittura tagliano il fogliame. Questo è un no-no, poiché le piante hanno bisogno di foglie per raccogliere energia attraverso la fotosintesi. Questa è in realtà una parte molto importante del ciclo di vita del bulbo. Se le piante non sono in grado di raccogliere energia e immagazzinarla nel bulbo, le fioriture e il fogliame della stagione successiva saranno influenzati negativamente.

Mentre le piante conservano il fogliame e stanno facendo il loro lavoro, l'intera pianta dovrà essere mantenuta. Innaffiare i bulbi dopo la fioritura è importante per sostenere i sistemi di radici e mantenere le foglie in buone condizioni. Pensare in questo modo. Non smetteresti di annaffiare il tuo rododendro dopo che è fiorito, vero? Potrebbe non aver bisogno di tanta acqua per sostenere le fioriture, ma ha comunque bisogno di avere acqua nel sistema radicale che manterrà le foglie fresche e idratate e trasporterà i nutrienti a tutte le parti della pianta.

Sospendere l'irrigazione significherebbe che la pianta alla fine appassirebbe e morirà. L'irrigazione del bulbo dormiente è una parte necessaria della cura dopo la fioritura e può aiutare la pianta a risparmiare energia per il prossimo anno. Lo xilema nelle piante è il sistema vascolare che dirige l'acqua nelle cellule e in tutte le parti delle piante. È direttamente collegato alle radici e l'acqua scorre verso l'alto per idratarsi e portare i nutrienti alla crescita delle cellule di combustibile. Senza acqua, il sistema vascolare della pianta non può svolgere questo importante lavoro.

Informazioni sull'irrigazione a bulbo dormiente

Abbiamo stabilito che annaffiare i bulbi dopo la fioritura è un compito necessario, ma quanto e con che frequenza? Ciò dipenderà dal sito e dal tipo di bulbo fiorito.

In un terreno asciutto e ben drenante, l'acqua si reindirizzerà rapidamente e le piante dovranno essere annaffiate più frequentemente, preferibilmente quando i primi due centimetri di terreno sono asciutti al tatto.

Nelle aree che non drenano così liberamente, è possibile utilizzare lo stesso test tattile, ma la quantità di acqua sarà notevolmente ridotta per evitare che il bulbo anneghi.

Nelle piante coltivate in vaso, annaffiare i bulbi dopo che i fiori sono spariti sarà un compito più frequente. Questo perché il contenitore tende ad asciugarsi più rapidamente a causa del vento e delle condizioni ambientali rispetto ai bulbi a terra.

Cura estiva generale dei bulbi primaverili

Finché il terreno è mantenuto moderatamente umido e il fogliame appare sano, è necessario prestare attenzione. Rimuovi i gambi dei fiori esauriti, poiché costringono la pianta a dirigere l'energia per mantenerli quando vuoi veramente che tutta l'energia entri nel bulbo.

Non legare il fogliame come bisogno di un giardiniere. Questo riduce lo spazio fogliare che può raccogliere l'energia solare per trasformarsi in zuccheri vegetali immagazzinati. Lascia che il fogliame rimanga sulla pianta per 8 settimane. Rimuovere il fogliame quando è diventato marrone giallastro.

Se i bulbi sono stati interrati per diversi anni, utilizzare una forca da giardino per sollevarli. Scartare i bulbi scoloriti o malati e reimpiantare gruppi di 2 o 3 in aree separate. Ciò promuoverà la formazione di più bulbi e un gruppo di piante più sano.

Immagine di xrrr