Prodotti naturalmente imperfetti: impara a conoscere il brutto movimento dei prodotti

Sono sicuro che hai sentito il detto "la bellezza è solo superficiale" in una forma o nell'altra. Ebbene, lo stesso si può dire per i prodotti. Ci è stata venduta una distinta base relativa ai nostri prodotti. I supermercati vendono solo prodotti di qualità numero 1, prodotti che sono perfetti agli occhi dell'acquirente del negozio e che ci hanno fatto il lavaggio del cervello credendo che sia così. Ma che dire dei prodotti naturalmente imperfetti, altrimenti noti come prodotti "brutti"?

Che cos'è il brutto prodotto?

I consumatori si aspettano di trovare frutta senza macchia, carote dritte a freccia e pomodori rossi perfettamente rotondi, ma se hai mai coltivato i tuoi prodotti, sai che questa idea è ridicola. In effetti, l'intera idea di ciò che il prodotto è considerato brutto è ridicolo, letteralmente. Molti di questi cosiddetti frutti e verdure "brutti" hanno un aspetto divertente.

Il frutto brutto è commestibile?

Ogni giardiniere sa che non esiste la perfezione in giardino e oserei dire che tutti noi abbiamo coltivato prodotti naturalmente imperfetti. Il fatto è che probabilmente l'abbiamo mangiato comunque sapendo che la maggior parte dei prodotti brutti è perfettamente commestibile. Quindi non preoccuparti di cosa fare con i brutti prodotti in giardino. Mangialo! Usalo nei frullati, frullalo o trasformalo in salse. Le uniche eccezioni sarebbero se il prodotto è in decomposizione, mostrando segni di muffe o danni da insetti.

E i prodotti scartati dai supermercati, i prodotti di qualità numero 2? Cosa fanno con i prodotti brutti? Sfortunatamente, gran parte della produzione che è stata rifiutata dal droghiere finirà in una discarica. L'USDA (2014) ha stimato che quasi 1/3 del cibo commestibile e disponibile negli Stati Uniti è stato sprecato da rivenditori e consumatori. Questo importo raggiunge l'incredibile cifra di 133 miliardi di sterline (60 k.)! E spesso finisce direttamente nella discarica - sì, nella discarica.

Tutto ciò può cambiare, tuttavia, dal momento che una continua preoccupazione per il nostro ambiente ha generato il brutto movimento dei prodotti.

Cos'è il movimento dei prodotti brutti?

Francia, Canada e Portogallo sono tutti paesi che guidano il movimento dei prodotti brutti. In quei paesi, alcuni droghieri hanno fatto una campagna di vendita di prodotti brutti a un prezzo scontato. La Francia è andata ancora oltre, approvando una legislazione che vieti ai supermercati di rovinare e buttare intenzionalmente il cibo. Ora sono tenuti a donare gli alimenti invenduti in beneficenza o come mangime per animali.

Il brutto movimento dei prodotti agricoli non è iniziato con l'azione intrapresa da interi paesi. No, è stato avviato da un piccolo numero di consumatori attenti all'ambiente che hanno iniziato ad acquistare prodotti imperfetti. Chiedere al droghiere locale di vendere loro frutta e verdura non perfette ha dato un'idea ad alcuni negozi. Nel mio supermercato locale, ad esempio, c'è una sezione di prodotti che non è perfetta ma è sicuramente in vendita ea prezzo ridotto.

Mentre il brutto movimento dei prodotti ortofrutticoli sta costruendo slancio, è ancora piuttosto lento per la maggior parte degli Stati Uniti. Dobbiamo prendere una pagina dagli acquirenti europei. La Gran Bretagna, ad esempio, ha condotto una campagna "Love Food, Hate Waste" dal 2007 e l'UE, in generale, si è impegnata a ridurre della metà i propri sprechi alimentari entro il prossimo decennio.

Possiamo fare di meglio. Mentre il supermercato locale potrebbe non essere interessato a vendere prodotti di seconda scelta a causa della responsabilità, un agricoltore locale potrebbe. Inizia il tuo movimento chiedendo al mercato degli agricoltori locali. Potrebbero essere fin troppo felici di venderti i loro prodotti meno che perfetti.

Immagine di Alonso Aguilar

Lascia un commento