Quando scadono i semi vecchi – capire le date di scadenza dei semi sui pacchetti di semi

Molte persone iniziano a fare giardinaggio non solo come mezzo per coltivare frutta e verdura sana e nutriente, ma anche per risparmiare denaro. Coltivare un raccolto delle tue verdure preferite può essere un vero piacere, così come erbe e fiori per il giardino. Tuttavia, ogni stagione, i coltivatori con spazio limitato potrebbero ritrovarsi con semi da giardino inutilizzati. In molti casi, questi semi vengono conservati per essere conservati, accumulandosi lentamente con ciò che molti la comunità di giardinaggio chiamano "scorta di semi". Quindi i vecchi semi sono ancora buoni per la semina o è meglio acquisirne di più? Continuate a leggere per scoprirlo.

Capire le date di scadenza del seme

Se guardi sul retro del tuo pacchetto di semi, dovrebbe esserci qualche tipo di informazione datata, almeno con la maggior parte delle fonti affidabili. Ad esempio, potrebbe avere una data di "confezionamento per", che in genere è quando i semi sono stati confezionati, non necessariamente quando sono stati raccolti. Come per molti articoli che trovi al supermercato, potresti avere la data di "vendita entro" o "da consumarsi preferibilmente entro", che normalmente indica la fine dell'anno in cui i semi sono stati confezionati.

Inoltre, molte confezioni di semi includono una data di "semina entro", che non rappresenta la freschezza dei semi ma piuttosto la validità risultante di un test di germinazione precedentemente condotto prima del confezionamento.

Mentre alcuni potrebbero chiedersi se sia sicuro piantare semi che hanno superato la loro data di scadenza, sappiamo che piantare semi scaduti non influirà sul risultato della pianta finale cresciuta da quel seme. Quindi, cresceranno i semi scaduti? Sì. Le piante coltivate da pacchetti di semi scaduti cresceranno per produrre raccolti sani e fruttuosi, proprio come le loro controparti più giovani. Con questo in mente, ci si può chiedere allora, quando scadono i vecchi semi? Ancora più importante, perché abbiamo bisogno delle date di scadenza dei semi?

Sebbene i semi tecnicamente non "vadano a male", le date di scadenza vengono utilizzate sulla confezione dei semi come misura della probabilità che i semi siano vitali. A seconda del tipo di semi, delle condizioni ambientali e del modo in cui i semi sono stati conservati, il tasso di germinazione dei pacchetti di semi più vecchi può essere notevolmente influenzato.

Le migliori condizioni di conservazione per i pacchetti di semi richiedono un luogo buio, asciutto e fresco. Per questo motivo, molti coltivatori scelgono di conservare i semi delle piante in barattoli ermetici in luoghi come i frigoriferi o in cantine o scantinati. Molti possono anche aggiungere chicchi di riso ai barattoli per scoraggiare la presenza di umidità.

Sebbene condizioni di conservazione adeguate contribuiranno a prolungare la durata di vita dei semi, la vitalità di molti tipi di semi inizierà a diminuire a prescindere. Alcuni semi manterranno alti tassi di germinazione per un massimo di cinque anni, ma altri, come la lattuga, perderanno vigore non appena un anno di conservazione.

I vecchi semi sono ancora buoni?

Prima di piantare con seme scaduto, ci sono alcuni passaggi da compiere per verificare se la germinazione avrà successo o meno. Quando si chiedono "i semi scaduti cresceranno", i giardinieri possono eseguire un semplice test di germinazione.

Per testare la vitalità di un pacchetto di semi, è sufficiente rimuovere una decina di semi dal pacchetto. Inumidisci un tovagliolo di carta e mettici dentro i semi. Metti il ​​tovagliolo di carta umido in un sacchetto con chiusura a zip. Lascia la busta a temperatura ambiente per dieci giorni. Dopo dieci giorni, controlla la germinazione del seme. I tassi di germinazione di almeno il 50% indicano un pacchetto di semi moderatamente vitale.